A Flushing Meadows Roger Federer cerca il poker

Roger Federer spera che la sua storia d'amore con lo US Open prosegua anche quest'anno Keystone

Sei settimane dopo aver trionfato a Wimbledon, il tennista svizzero tenterà da lunedì di conquistare un quarto titolo consecutivo allo US Open, un record nella storia del tennis moderno.

Questo contenuto è stato pubblicato il 26 agosto 2007 - 17:53

Rispetto agli anni precedenti, il compito di Roger Federer potrebbe essere più arduo: Nadal e Djokovic lo attendono al varco.

Roger Federer abborda il torneo Flushing Meadows, quarto ed ultimo Slam della stagione, con molta fiducia: "Ho disputato finora la mia migliore stagione estiva, finalista a Montréal e poi vincitore a Cincinnati, spero di proseguire su questo slancio all'US Open".

Trionfatore negli ultimi tre anni, il tennista svizzero cerca un poker mai riuscito a nessun altro nella storia del tennis moderno.

Solo due campioni – John McEnroe e Ivan Lendl – si sono imposti di recente tre volte di seguito sul cemento newyorchese. Bisogna risalire agli anni '20, quando non si giocava né sulla stessa superficie né nello stesso posto, per ritrovare le tracce di un tennista che fece meglio: l'americano Bill Tilden vinse infatti il torneo sei volte di seguito tra il 1920 e il 1925.

Con un nuovo titolo a New York, Federer porterebbe a 12 il totale dei tornei del Grande Slam vinti, avvicinandosi così sempre più al record dell'americano Pete Sampras (14).

Per raggiungere questo obiettivo, il basilese dovrà però sudare le classiche sette camicie. La concorrenza è infatti più agguerrita che mai.

Djokovic, ma soprattutto Nadal

Il serbo Novan Djokovic è la grande rivelazione di questa stagione e potrebbe dargli filo da torcere. Dopo essersi issato in semifinale al Roland Garros e a Wimbledon, a Montréal Djokovic ha sconfitto nell'ordine i tre migliori giocatori mondiali: Andy Roddick, Rafael Nadal e in finale Roger Federer.

Il giovane serbo, 20 anni, non è però la principale preoccupazione di Federer: "In questi giorni si parla molto di lui, ma secondo me Nadal gli è ampiamente superiore. Se non dovessi vincere l'US Open, penso che sarà lui ad aggiudicarsi il torneo".

Il maiorchino, che a New York finora non ha mai brillato, non può più essere considerato solo uno specialista di terra battuta.

"Specialista di terra battuta oggi non vuol più dire nulla – afferma Federer. La terra battuta può essere la tua superficie prediletta, ma ciò non ti impedirà poi di giocare bene anche sul cemento o sull'erba".

Del resto la recente finale di Wimbledon, sull'erba appunto, lo ha dimostrato: Federer ha dovuto dar sfoggio di tutta la sua classe per imporsi in cinque set sullo spagnolo.

In gioco il posto di numero uno

Quest'anno, il torneo di Flushing Meadows riveste una particolare importanza nell'ottica della classifica ATP.

Per la prima volta Federer giunge all'appuntamento in ritardo nella classifica della "Race", che designerà il numero uno mondiale alla fine dell'anno.

Tuttavia, a Montréal e a Cincinnati il basilese ha in parte colmato la distanza che lo separava da Rafael Nadal. Ora sono undici i punti che separano i due tennisti. Il vincitore dell'US Open conquisterà 200 punti, mentre al finalista ne andranno 140.

Gli altri svizzeri

Per quanto concerne gli altri svizzeri in lizza, in campo maschile Stanislas Wawrinka cercherà di confermare i progressi mostrati nel recente torneo di New Haven.

Dopo una prima parte di stagione calamitosa in seguito a un ferimento, nel torneo disputatosi nel Connecticut il vodese ha raggiunto i quarti di finale, battendo, tra gli altri, lo spagnolo Tommy Robredo (ATP 8).

In campo femminile la ginevrina Emmanuelle Gagliardi – che a New York non ha mai superato il primo turno – è riuscita a qualificarsi per il tabellone principale, del quale fanno già parte Martina Hingis, Patty Schnyder e Timea Bacsinszky.

Martina Hingis – che aveva trionfato a Flushing Meadows dieci anni fa – e Patty Schnyder sembrano essere in misura di issarsi allo stadio degli ottavi di finale.

Il compito di Timea Bacsinszky appare invece più arduo, poiché già al primo turno dovrà affrontare la testa di serie numero 7 Nadia Petrova.

swissinfo e agenzie

Premi da record

In caso di vittoria a Flushing Meadows, Roger Federer e Maria Sharapova si aggiudicherebbero il più grosso premio in denaro attribuito finora nella storia del tennis.

Oltre all'assegno "normale" di 1,4 milioni di dollari, lo svizzero e la russa riceverebbero un bonus di un milione di dollari per i risultati registrati durante i tornei disputatisi quest'anno negli Stati Uniti.

End of insertion

La carta d'identità di Roger Federer

Data di nascita: 8 agosto 1981
Altezza: 185 cm
Peso: 80 kg
Professionista dal 1998

Situazione il 21 maggio 2007
Record singolo: 528 vittorie, 131 sconfitte
Titoli singolo: 50
Montepremi durante la carriera: $33'240'078

End of insertion

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo