Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Eine Frau wirft einen Stimmzettel in eine Urne

Da quando è stato introdotto il diritto di voto per gli svizzeri all'estero, nel 1977, periodicamente c'è qualcuno che polemizza su di esso.

(Keystone)

I cittadini svizzeri espatriati non pagano un centesimo di canone radiotelevisivo "Billag", eppure il 4 marzo possono votare. Soprattutto nelle cerchie libertarie, questo diritto è contesta. Per la lobby politica della cosiddetta Quinta Svizzera, tuttavia, è chiaro che chi ritorna in patria sarà poi direttamente interessato dalla decisione.​​​​​​​

SWI swissinfo.ch è un’unità aziendale della SSR e viene finanziata per la metà tramite il canone radiotelevisivo Billag.

Fine della finestrella

Gli svizzeri residenti all'estero sono esonerati dai canoni per la ricezione di programmi radiofonici e televisivi elvetici al di fuori della Confederazione. Infatti, in virtù del cosiddetto principio di territorialità, ognuno è assoggettato alle leggi dello Stato in cui si trova.

Una persona non è assoggettata all'obbligo di annuncio e di pagamento del canone in Svizzera se vi trascorre meno di 90 giorni all'anno o di 90 giorni senza interruzione, precisa Dominik Müller, portavoce della società di riscossione Billag SALink esterno. "Non siamo attivi all'estero". Non si è mai pensato di farlo e del resto non sarebbe possibile, sottolinea.

Anche gli stranieri in Svizzera pagano la "Billag"

Grazie a Internet e alla ricezione via satellite, gli svizzeri all'estero possono però continuare a usufruire delle prestazioni della Società svizzera di radiotelevisione (SSR), che comprende anche swissinfo.ch, e di altri media finanziati con i canoni radiotelevisivi.

Vi sono poi anche molti svizzeri residenti all'estero che pagano una tassa di 120 franchi all'anno per l'accesso a programmi elvetici tramite il servizio satellitare. Inoltre, gli svizzeri all'estero pagano i canoni radio e TV nei rispettivi paesi di residenza, quali Italia, Germania, Francia, Austria, Norvegia, Paesi Bassi, Danimarca e così via.

Allo stesso modo, i cittadini italiani, tedeschi, eccetera che risiedono in Svizzera, pagano la bolletta "Billag" nella Confederazione, ma non il canone nel loro paese di origine.

Voce in capitolo contestata

Il fatto che gli svizzeri all'estero possano decidere su questioni che non li riguardano direttamente provoca ora nuove discussioni.

Sarah Mastantuoni, direttrice dell'Organizzazione degli svizzeri all'estero (OSELink esterno), difende fermamente il diritto degli espatriati partecipare alle decisioni interne della Confederazione. "Spesso gli svizzeri trascorrono solo due o tre anni all'estero. In seguito saranno quindi interessati dalle votazioni esattamente come i connazionali che vivono nella Confederazione", rileva. Inoltre, vi sono votazioni che li riguardano direttamente, anche se vivono all' estero. Ad esempio, sugli accordi bilaterali, sulla previdenza di vecchiaia, eccetera.

Nuovo sistema dal 2019

La Billag SA di Friburgo dal 2019 non riscuoterà più i canoni radiotelevisivi in Svizzera. Dal 2019 al 2025, il mandato è stato affidato alla Serafe AGLink esterno di Fehraltdorf, nel cantone di Zurigo, che ha vinto la relativa gara d'appalto.

Le novità non finiscono quei. Cambierà anche il sistemaLink esterno di imposizione. Si passerà da un canone di ricezione basto sugli apparecchi radiotelevisivi a una tassa per tutte le economie domestiche e le imprese. Serafe dovrà riscuotere il canone delle economie domestiche, l'Amministrazione federale delle contribuzioni quello delle imprese.

Il canone ammonterà a 365 franchi all'anno per economia domestica. Le aziende con un fatturato annuo superiore a 500'000 franchi pagheranno ogni anno da 365 a 35'590 franchi, a seconda del loro giro d'affari.

Fine della finestrella

video easyvote spiegazioni iniziativa "No Billag"

video di spiegazioni easyvote

video easyvote: spiegazioni per i giovani


(Traduzione dal tedesco: Sonia Fenazzi), swissinfo.ch

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.