Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Accordi bilaterali da aggiornare Acciaio ma non solo: come migliorare i rapporti Svizzera-UE?

Aggiornare gli accordi bilaterali e rendere meno fredde le relazioni fra Svizzera e Unione Europea, incrinatesi nel febbraio del 2014. Con questi obiettivi il ministro dell’economia elvetico Johann Schneider-Ammann si è recato giovedì a Bruxelles. Ma la scommessa è ancora lungi dall’essere vinta.

(1)

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Svizzera, pur essendo un partner commerciale importante dell’Unione Europea, è spesso dimenticata, data la sua assenza nelle sedi politiche. Un esempio è l’acciaio svizzero, penalizzato a causa delle misure messe in atto dall'UE per difendersi dalle enormi produzioni di Cina, Ucraina e Bielorussia.

Per discutere di questo e, più in generale, dell’aggiornamento degli accordi bilaterali, il responsabile del Dipartimento federale dell’economia Johann Schneider-Ammann era giovedì a Bruxelles dove ha incontrato il vicepresidente della Commissione europea e responsabile del mercato interno digitale, Andrus Ansip, e la commissaria UE per il commercio, Cecilia Malmström.

Johann Schneider-Ammann (a destra) e Andrus Ansip.

(Keystone)

Questione di “reciproco interesse”

A Malmström, il ministro elvetico ha detto che gli accordi bilaterali "sono stati stipulati nel reciproco interesse ed è tuttora nell'interesse dell'una e dell'altra parte che i loro meccanismi rimangano perfettamente funzionanti". Cosa che presuppone "un aggiornamento periodico e accurato, ad esempio in materia di ostacoli tecnici al commercio".

Con Ansip, Schneider-Ammann ha discusso invece delle strategie sulla digitalizzazione. Lo scopo comune di Berna e Bruxelles è "definire le condizioni quadro ottimali affinché l'economia, la scienza e la società possano sfruttare al meglio le opportunità offerte dalla digitalizzazione.

Le discussioni saranno ancora lunghe e difficili. L’accettazione dell’iniziativa contro l’immigrazione di massa da parte del popolo svizzero il 9 febbraio 2014, infatti, rende ancora molto delicate le relazioni tra la Confederazione e l’UE.

tvsvizzera.it/Zz con RSI (TG del 30.03.2017)

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×

In evidenza