Accordo in vista tra SAirGroup e ReWe per il risanamento della LTU

Se l'accordo va in porto, SAirGroup e ReWe saranno soli proprietari della LTU Keystone

SAirGroup ha forse trovato, nel gigante tedesco del commercio al dettaglio ReWe, il partner in grado di risanare la compagnia aerea e agenzia di viaggi tedesca LTU, di cui controlla il 49 percento del capitale.

Questo contenuto è stato pubblicato il 20 agosto 2000 - 17:05

Hans Klaus, portavoce di SAirGroup, confermando una notizia apparsa nella «SonntagsZeitung», non ha voluto dare indicazioni sull'ammontare della partecipazione di ReWe in LTU. «Informazioni più dettagliate saranno comunicate al termine dei negoziati», ha proseguito.

SAir potrebbe attendere martedì, giorno della pubblicazione dei risultati semestrali, per annunciare la fine delle trattative con il gruppo tedesco.

SAirGroup è entrata a fine 1998 nel capitale di LTU. Il resto delle azioni della compagnia charter, con sede a Düsseldorf, sono nelle mani della famiglia fondatrice e della Westdeutsche Landesbank, che ne detiene il 10,2 percento.

In caso di intesa con ReWe, SAirGroup e il gigante della distribuzione saranno i soli proprietari di LTU. Oltre a ReWe, anche l'operatore turistico britannico Airtours aveva annunciato il suo interessamento.

Dieci giorni fa, Tim Byrne, direttore di Airtours, aveva però dichiarato sul «Financial Times» che i negoziati con SAirGroup erano falliti. La compagnia di bandiera svizzera era alla ricerca da più mesi di un partner valido, in grado di riportare nelle cifre nere il quarto gruppo di viaggi germanico.

Philippe Bruggisser, presidente della direzione di SAirGroup, aveva annunciato che la partecipazione del suo gruppo in LTU sarebbe costata quest'anno 112 milioni di franchi. Durante il suo ultimo esercizio, l'operatore turistico d'oltre Reno ha fatto registrare una perdita di 250 milioni di marchi.

Bruggisser aveva ammesso che la più grossa preoccupazione per SAirGroup è LTU. «Abbiamo scoperto un pozzo senza fondo, che bisogna chiudere con la massima urgenza», aveva detto. Una dichiarazione che tuttavia non corrisponde alle conclusioni dei rapporti mandatati da SAirGroup prima dell'acquisto di LTU.

swissinfo e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo