Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Acqua sotto controllo?

Prima di tornare nel ciclo naturale, l'acqua di scarico passa dagli impianti di depurazione (www.sensetal.ch)

Molto inquinati fino agli anni 60, fiumi e laghi svizzeri sono stati risanati con un politica forzata di depurazione delle acque. Ma ora compaiono nuovi rischi, come l'inquinamento da medicamenti e pesticidi.

Anche nel 2003, l'acqua rimane un bene vitale da proteggere.

Le acque dei laghi e dei fiumi svizzeri non sono sempre state chiare e limpide come oggi. Ancora nella seconda metà del 20esimo secolo, soprattutto in prossimità dei grossi centri abitati, i casi di inquinamento, anche grave, erano piuttosto frequenti.

Per proteggere la popolazione, le autorità di certe località turistiche lacustri furono perfino costrette a proibire la balneazione. Ma spesso non c'era affatto bisogno di divieti, perché le acque torbide e maleodoranti, ricoperte di schiume poco appetitose e sulle quali galleggiava di tutto, non invitavano di certo a tuffarvisi.

La causa di tutto ciò: le acque di scarico, domestiche e industriali, che finivano direttamente nei corsi d'acqua.

Miliardi per la depurazione delle acque

Per porre rimedio a quella pericolosa situazione, c'era una sola soluzione: bisognava "ripulire" le acque di scarico, prima di immetterle nuovamente nel ciclo naturale. E per questo la Svizzera, negli scorsi decenni, ha investito miliardi.

Ora, praticamente tutto il territorio nazionale è allacciato alla rete di canalizzazioni e centinaia di impianti di depurazione ripuliscono le acque, trattenendo la maggior parte delle sostanze nocive.

Nonostante la crescita della popolazione e delle agglomerazioni e il moltiplicarsi delle attività economiche, oggigiorno in Svizzera laghi e fiumi sono da considerare puliti. E la qualità dell'acqua potabile oltremodo soddisfacente, per non dire ottima.

I nuovi pericoli: medicamenti e pesticidi

Anche gli impianti di depurazione hanno però i loro limiti. "Per esempio, non trattengono i resti di certi medicamenti", ci spiega Edwin Müller, capo della sezione Igiene dell'acqua presso l'Ufficio federale dell'ambiente. «E ora stiamo studiando quali possano essere le conseguenze, per l'uomo e la natura, della presenza nell'acqua di queste sostanze».

Ma come ci finiscono le medicine nelle fogne? Semplice: resti di creme, pomate e unguenti, per esempio, passano attraverso gli scarichi di docce, vasche da bagno e lavandini. Mentre attraverso i WC vengono immessi resti di medicamenti ingeriti, che non sono stati completamente assimilati dall'organismo.

«Oggi, per esempio, siamo in grado di misurare anche dei micro-inquinamenti. E così abbiamo potuto accertare la presenza nelle acque di certe sostanze antireumatiche», continua il chimico. «Quel che invece ancora non sappiano è se queste infime quantità costituiscano un problema per l'ambiente.»

Quanto vale per i resti di medicamenti, vale anche per certe scorie industriali, che non sono trattenute dagli impianti di depurazione. E per certi pesticidi, che penetrano nel terreno con la pioggia e sono presenti nell'acqua in bassissime concentrazioni.

Rinaturalizzazione dei corsi d'acqua

Nell'ambito della gestione delle risorse idriche, la Svizzera si è di recente posta un altro obiettivo: quello della rinaturalizzazione dei corsi d'acqua. Corretti e incanalati durante i secoli passati, fiumi e torrenti dovrebbero ora ritrovare libero corso in un letto naturale.

«Per il momento, però», afferma Edwin Müller, «non c'è nessuna pianificazione globale e si stanno soltanto realizzando alcuni progetti ad hoc, sul piano locale». Anche perché in molti casi lo spazio da restituire ai fiumi non esiste più. E d'altro canto, certi interventi richiederebbero investimenti troppo ingenti.

Non mancherebbero però le buone ragioni per il ripristino di ambienti naturali - come il rispetto degli equilibri ecologici, una maggior sicurezza in caso di piena e l'effetto autopulente e autorigenerante dei corsi d'acqua naturali.

swissinfo, Fabio Mariani

Fatti e cifre

Il 95% delle economie domestiche svizzere sono allacciate agli impianti di depurazione,
in Europa, sono meno del 60 e negli USA poco più del 70%.
La Svizzera sfrutta il 5% delle proprie risorse idriche,
i paesi europei oltre l'11% e gli USA quasi il 20%.
Il consumo d'acqua pro capite in Svizzera è inferiore ai 400 m3,
in Europa supera i 900 m3 e gli USA i 1800 m3.

Fine della finestrella

In breve

Nell'ultimo quarto di secolo, la Svizzera ha compiuto grandi sforzi per la depurazione delle acque di scarico, realizzando una rete nazionale cui sono allacciati praticamente tutti i centri abitati.

Ora però si sono scoperte nuove forme di inquinamento, dovute a ormoni e resti di medicamenti che non sono trattenuti dagli impianti di depurazione.

Lo studio di questi nuovi fenomeni e la rinaturalizzazione dei corsi d'acqua costituiscono due dei punti centrali dei programmi federali di protezione dell'acqua.

Fine della finestrella


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×