Acrilammide: una nuova sostanza ci minaccia

Nelle croccanti patatine potrebbero trovarsi tracce di acrilammide, una sostanza cancerogena Keystone Archive

Esperti svedesi dichiarano che la sostanza è cancerogena. La Svizzera incarica un gruppo di lavoro di analizzare i generi alimentari.

Questo contenuto è stato pubblicato il 31 maggio 2002 - 19:02

L'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) ha formato un gruppo di esperti per saperne di più sulla presenza di acrilammide nei farinacei cotti a temperature alte come chips, patate fritte e pane.

La presenza della sostanza ritenuta cancerogena e dannosa per il patrimonio genetico in certi alimenti è infatti stata rilevata anche in Svizzera. Dopo che lo scorso 24 aprile l' Ufficio svedese della sicurezza alimentare aveva rintracciato, grazie a nuovi metodi d'analisi, alte dosi di acrilammina in diversi alimenti, anche in Svizzera questa sostanza tossica è diventata un tema di discussione.

Meglio frutta e verdura che le chips

Stando a uno studio pubblicato alla fine di aprile nel paese scandinavo, gli alimenti ricchi di carboidrati come il riso, i cereali e le patate formano l'acrilammide. Le conclusioni mostrano che un pacchetto di chips può contenere fino a 500 volte più di
questa sostanza incriminata rispetto ai livelli autorizzati nell'acqua.

L'UFSP ha reagito a questo studio creando un gruppo di lavoro, che si è riunito per la prima volta venerdì scorso a Berna, ha comunicato l'ufficio federale. Il compito degli esperti, provenienti sia dal settore pubblico che privato, è di fare l'inventario delle derrate interessate dal problema, individuare la formazione della sostanza ed elaborare
metodi d'analisi.

L'UFSP parteciperà tra l'altro alla riunione organizzata il prossimo mese sul tema dall'Organizzazione mondiale della sanità (OMS). Per ora, OMS e UFSP non modificano i loro consigli riguardanti la nutrizione: suggeriscono di consumare soprattutto frutta e verdura e pochi alimentari contenenti grassi.

swissinfo e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo