Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

AIDS: passo dopo passo verso un vaccino

Sconfiggere l'Aids grazie ad un vaccino: la missione di Giuseppe Pantaleo e d'innumerevoli altri ricercatori

(Keystone)

Una tabella di marcia per definire le tappe della ricerca di un vaccino preventivo per l’Aids: l’hanno stilata a Losanna gli specialisti del settore.

In occasione del congresso AIDS Vaccine 2004 si è inoltre posto l’accento sulla necessità di una maggiore collaborazione tra i ricercatori.

Gli scienziati specialisti dell'Aids che hanno partecipato al congresso internazionale conclusosi mercoledì a Losanna hanno allestito una bozza di calendario per lo svolgimento di test relativi ad un vaccino preventivo. Hanno pure sottolineato la necessità di incrementare la collaborazione fra ricercatori.

«Il bilancio è positivo. Incominciamo ad avere termini più precisi: entro la fine dell'anno inizierà uno studio su 1500 volontari, volto a valutare la sicurezza dei vaccini testati sul sistema immunitario umano», ha affermato il professor Giuseppe Pantaleo, attivo al CHUV (Centro ospedaliero universitario del canton Vaud) e presidente del congresso AIDS Vaccine 2004. Lo studio verrà a costare fra dieci e quindici milioni di franchi.

Le tappe della ricerca

Si tratterà poi di valutare l'efficacia dei vaccini «candidati». Questa fase, a rischio elevato, potrebbe incominciare nel 2006 presso 5000 volontari, ritiene il francese Michel Kazatchkine, direttore dell'Agenzia nazionale della ricerca sull'Aids. Secondo Pantaleo, questa fase potrebbe invece avere inizio fra il 2007 e il 2009.

In un primo tempo, il vaccino non garantirà una protezione totale contro il virus, ma lo manterrà a livelli poco elevati. Permetterà allora di far passare da dieci a vent'anni il periodo fra l'infezione e lo sviluppo della malattia, precisa un comunicato allestito al termine del congresso.

Secondo il professore italiano, un vaccino definitivo, comprendente anticorpi neutralizzanti, potrà essere ottenuto nel migliore dei casi nel 2014, «forse anche più tardi». La mutazione del virus e la sua complessità «ci costringono ad un prudente ottimismo», spiega dal canto suo il premio Nobel di medicina zurighese Rolf Zinkernagel.

Collaborazione e risorse ancora insufficienti

La messa a punto di un vaccino terapeutico, destinato alle persone già colpite dal virus, richiederà ancora più tempo. «I laboratori farmaceutici non dispongono di risorse sufficienti per svolgere i test», si è rammaricato Pantaleo.

I partecipanti al congresso - circa 800 specialisti - hanno peraltro sottolineato la necessità di rafforzare la collaborazione internazionale fra i ricercatori. Un primo passo in questa direzione: un gruppo di lavoro diretto da Giuseppe Pantaleo è stato incaricato di armonizzare le griglie di lettura destinate ad interpretare i risultati dei test.

Cosa può fare la Svizzera

Pantaleo ha pure esortato i paesi europei ad impegnarsi maggiormente e a «rispondere in modo chiaro» alla sfida scientifica che rappresenta la ricerca di un vaccino contro l’Aids. Il ricercatore ha pure invitato la Svizzera a «consolidare le sue strutture» e a designare un «responsabile dell'Aids» sul piano politico, nonché a promuovere un programma sanitario nazionale sulla questione.

Il presidente del congresso interpreta come un «segno forte» in questa direzione la presenza lunedì a Losanna di Pascal Couchepin. «E' la prima volta», ha sottolineato, «che un membro del Consiglio federale partecipa ad una riunione di sensibilizzazione e di riflessione sull'Aids».

swissinfo e agenzie

Fatti e cifre

In oltre un ventennio, l'Aids ha già ucciso circa 20 milioni di persone in tutto il mondo.
Attualmente 38 milioni di persone hanno contratto il virus HIV.
Il 70% delle persone ammalate si trovano nell’Africa subsahariana.
Le donne rappresentano ormai la metà dei casi di Aids a livello mondiale.

Fine della finestrella

In breve

Il congresso internazionale tenutosi a Losanna ha delineato i modi e i tempi per la ricerca di un vaccino contro l’Aids.

Entro la fine dell’anno, 1500 persone parteciperanno ad un test preliminare volto a valutare l’impatto dei prototipi di vaccino sul sistema immunitario umano.

I test veri e propri non dovrebbero iniziare prima del 2006. È poco probabile che un vaccino sia pronto prima del 2014.

Fine della finestrella


Link

×