Navigation

Almeno 27 le vittime dell'infermiere che uccise "per compassione"

Ha colpito in diversi cantoni della Svizzera centrale l'"angelo della morte" Keystone Archive

Sono almeno 27 le vittime dell'infermiere 32enne arrestato a fine giugno a Lucerna. Gli inquirenti hanno portato alla luce altri 18 casi, dopo i nove scoperti alla casa per anziani lucernese «Eichhof».

Questo contenuto è stato pubblicato il 11 settembre 2001 - 11:46

Gli omicidi sono avvenuti tra il settembre 1995 e il giugno 2001 nei cantoni di Obvaldo, Svitto e Lucerna, ha indicato martedì la polizia cantonale, precisando che l'infermiere ha ucciso innanzitutto per compassione. L'uomo utilizzava farmaci tranquillanti o soffocava le vittime con un sacco di plastica o con un panno premuto sul viso.

Prima di entrare in servizio alla Eichhof l'uomo aveva lavorato anche nell'ospedale cantonale di Lucerna e in una casa di cura di Küssnacht (SZ), nonché in tre differenti strutture a Sarnen: all'ospedale cantonale, in un centro per anziani e per i locali servizi di cure a domicilio Spitex. Lo scorso agosto, l'infermiere aveva tentato di suicidarsi in cella, nonostante fosse sotto stretto controllo.

Il caso dell'»angelo della morte» - come è stato soprannominato dai media - era venuto alla luce all'inizio di luglio. L'uomo è stato descritto in genere da chi l'ha conosciuto come gentile e disponibile. Prima di incominciare a lavorare nel settore sanitario avrebbe fatto il disc jockey e sarebbe stato un ballerino provetto.

swissinfo e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.