Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Antenati burgundi e alemanni Un "fossato" di 7000 anni

Vasellame di due diverse civiltà dell'età della pietra ritrovate nel Mittelland svizzero: i reperti a sinistra provengono dall'ovest, quelli a destra dall'est.

(KAAG)

La differenza tra il nord-est e il sud-ovest della Svizzera risale a 7000 anni fa, con l'arrivo di nuove popolazioni sul suo territorio, dice Laurent Flutsch, direttore del Museo romano di Vidy-Losanna.

"Le prime popolazioni arrivano sull'Altopiano svizzero da una parte dalla pianura del Danubio e del Reno, dall'altra dalla Valle del Rodano. Si incontrano tra le due, diventano sedentarie, e il loro modo di vita non è sostanzialmente diverso per lungo tempo.

Nel 401, i romani si ritirano a sud delle Alpi e lasciano il territorio svizzero e una popolazione gallo-romana molto latinizzata. Nel 443, insediano nella regione del Lago Lemano il piccolo popolo dei burgundi, dei germani da lungo alleati e sudditi di Roma, che, arrivando in un territorio fortemente latinizzato, adottano la lingua.

Tra Rodano e Reno

Intorno al 600-700, gli alemanni (sotto controllo dei franchi) attraversano il Reno e arrivano nell'attuale territorio della Svizzera tedesca, dove il ricordo dei romani si è sbiadito. Lì accade il contrario: più numerosi dei circa 25mila burgundi "assimilati", gli alemanni impongono la loro lingua germanica alla gente del posto. A parte qualche dettaglio, il confine linguistico attuale appare quindi a partire dall'VIII secolo.

In seguito nel Medioevo c'è una Svizzera molto frammentata, con la comparsa dei conflitti religiosi e, a partire dal XIII secolo, la lenta gestazione della futura Confederazione del 1848. È allora che scoppia un significativo conflitto. Poiché deve dotarsi di una moneta unica, il governo federale deve scegliere tra il fiorino (gulden) germanico e il franco. Più comodo e moderno con il suo sistema decimale, quest'ultimo trionfa.

Con la Prima Guerra mondiale, scoppia il conflitto più violento tra romandi filo-francesi e svizzeri tedeschi, filo-germanici. Il pastore Eduard Blocher, (nonno dell'attuale tribuno della destra anti-europea Christoph Blocher), noto per la sua ammirazione per Bismarck, voleva che gli svizzeri tedeschi aderissero al Reich, sfiorando così di poco l'esplosione della Svizzera".

swissinfo.ch

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.