Un quiz per conoscere meglio la vita in Svizzera

Come ci si organizza in Svizzera per i turni del bucato? Cos’è una vignetta autostradale? A chi bisogna rivolgersi per far riconoscere un diploma straniero? E come si ottiene la cittadinanza svizzera? Domande che potrebbe porsi qualsiasi straniero appena arrivato in Svizzera e a cui una nuova app, sviluppata da swissinfo.ch e dalle altre unità della SSR, cerca di dare risposta grazie alla nuova app “Together”.

swissinfo.ch e RSI
"Together" - Vivere insieme in Svizzera: l'applicazione gratuita interattiva che risponde a domande e fornisce una miriade di informazioni pratiche sulla vita quotidiana in Svizzera, unendo l'utile al dilettevole. RSI-SWI

Conoscere la vita nella Confederazione, dunque, riconoscerne i luoghi simbolo e soprattutto imparare giocando, perché "Together" è innanzitutto un quiz da affrontare da soli o sfidando a distanza amici e sconosciuti. Ad ogni domanda è associato un approfondimento tematico, basato sulla nostra “Guida alla Svizzera”, con l’obiettivo di facilitare l’integrazione degli stranieri in Svizzera. Un compito esplicitamente inserito tra le missioni della SSR e quindi anche di swissinfo.ch.

Le parole chiave sono convivenza, condivisione, anche attraverso i social, e partecipazione: una sezione permette infatti agli utenti di interagire con il team di "Together", inviando domande e immagini e contribuendo così allo sviluppo dell'applicazione.

L’applicazione “Together” è disponibile su Apple e Google Play in sette lingue: italiano, francese, Tedesco, inglese, spagnolo, portoghese e arabo. Il quiz comprende 300 domande su tematiche diverse: dal lavoro al diritto di cittadinanza, dalla formazione allo sport fino alla salute.

Il progetto pilota è garantito fino al giugno del 2018, quando verrà presa una decisione sul suo proseguimento.


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo