Aumenta la paga dei giornalisti

Sebbene gli editori siano contrari, i minimi salariali e gli onorari cresceranno del 2,3 per cento a partire dal nuovo anno.

Questo contenuto è stato pubblicato il 11 dicembre 2001 - 18:21

Lo ha stabilito la commissione arbitrale, istituita dal sindacato Comedia, dalla Federazione svizzera dei giornalisti (FSG) e da Stampa svizzera, l'associazione che riunisce gli editori.

Le posizioni all'interno della Commissione arbitrale erano divergenti, hanno reso noto la FSG e Comedia. La decisione, presa grazie alla ferma posizione assunta dalla presidente Renate Schubert, segna una svolta per le associazioni editoriali. Gli aumenti retributivi riguardano solo i giornalisti di lingua tedesca e italiana: i colleghi della Svizzera romanda hanno infatti una normativa propria.

Nonostante il contratto collettivo 2000 stabilisca un adeguamento dei minimi salariali ogni due anni, i datori di lavoro non volevano rispettarlo. Già in novembre, le associazioni degli editori e dei giornalisti si erano separate senza giungere a un accordo.

I sindacati avevano richiesto l'adeguamento all'inflazione intercorsa dal 1999 (3,5 per cento), una quota dell'1,5 sul massiccio aumento della produttività e infine una compensazione per quei costi che non sono considerati nell'indice del rincaro, come per esempio i premi della cassa malattia.

Anche se le sue richieste non sono state accolte appieno, la FSG è soddisfatta. «Abbiamo riportato una vittoria ai punti», ha dichiarato il segretario centrale Daniel Waser. Il problema è che il contratto collettivo di lavoro non precisa i criteri in base ai quali calcolare l'entità degli adeguamenti.

Secondo la direttrice di Stampa svizzera, Eva Keller, la decisione è invece «estranea alla realtà» e «incomprensibile». La commissione arbitrale ha trascurato l'aspetto economico.

swissinfo e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo