Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Auto...revolezza targata CH!

Ginevra resta uno dei pochi appuntamenti annuali in grado di richiamare centinaia di migliaia di visitatori

Definito imperdibile, il Salone dell'Auto richiama a Ginevra migliaia di ticinesi e italiani. "Una volta" c'era anche la biennale torinese.

Sospesa la tradizionale vetrina italiana, Ginevra resta incontrastata leader nella presentazione delle novità-auto.

Puntuale come un orologio svizzero, una rombante Ginevra apre le porte del suo Salone Internazionale dell’Auto, dal 6 al 16 marzo 2003. Nonostante la trasferta nella città di Calvino richieda qualche ora - circa 6 in treno se si valica il Gottardo - il Salone richiama ogni anno migliaia di ticinesi e di italiani.

"Non me lo perdo da 4 edizioni", dice a swissinfo Damiano, 19 anni, studente a Lugano. "È un momento unico per conoscere tutte le novità nel campo dei motori. In più, ci sono delle cose pazzesche, modelli impensabili".

Mai pensato di risparmiare tempo e scoprire i modelli al più vicino Salone dell’Auto di Torino? "Quello era più che altro il salone della FIAT", replica lo studente. "A Ginevra ci sono quasi tutte le case automobilistiche: il fatto di giocare in campo neutro - la Svizzera non ha fabbriche d'auto - va sempre a favore dell'adesione alla fiera. In più, credo, tutto ciò che è svizzero è sinonimo di garanzia. Così, la distanza non conta. E non sono l’unico ticinese a pensarla in questo modo."

Le cifre confermano, dal momento che Ginevra è pronta ad accogliere circa 800 mila visitatori.

Torino addio...

Fino a pochissimo tempo fa, i patiti di motori della Svizzera italiana non avevano bisogno di andare oltre Gottardo per soddisfare la propria sete di curiosità automobilistica: a Torino si è tenuta quasi ininterrottamente, dal maggio del 1900, una prestigiosa fiera biennale di motori.

L'anno scorso tuttavia la risposta italiana ad altre fiere dell'auto come Ginevra, Detroit, Parigi, Francoforte e Tokyo è saltata.

La crisi nel settore auto, emblematico il caso FIAT, ha scoraggiato gli espositori al punto di raccogliere solo una decina di adesioni a quella che non fu la sessantanovesima edizione. Torino aveva rinunciato all'appuntamento solo in occasione delle due guerre mondiali.

Tutto a favore di Ginevra?

"Il Salone all'ombra della Mole non c'è più e indubbiamente Ginevra ci guadagna, anche se quest'ultima non ha bisogno della sospensione dell'evento torinese per farsi conoscere", spiega a swissinfo Stefano Pescia, capo redattore de "Illustrazione ticinese/Motor Time", raggiunto proprio al Salone dell'Auto di Ginevra.

Oramai sono poche le fiere annuali di questo tipo in grado di richiamare migliaia di visitatori a livello mondiale; più la concorrenza arretra, più Ginevra si conferma ideale trampolino di lancio di tutte le novità nel settore auto.

"Basti vedere come, paradossalmente, il gruppo italiano FIAT, pesantemente in crisi e privo del 'suo' salone, si presenta quest'anno all'appuntamento ginevrino più rigoglioso che mai. FIAT ha scelto di investire su Ginevra", conclude Stefano Pescia. "Ginevra la conoscono tutti, e gli italiani in particolare seguono il suo salone."

swissinfo, Maddalena Guareschi


Link

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

×