Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Banche private sempre più minacciate

La sede principale della LODH a Ginevra

(Keystone Archive)

Lombard Odier Darier Hentsch & Cie taglia 300 impieghi in Svizzera.

La banca privata LODH ha annunciato la soppressione, entro il giugno 2004, di 300 posti di lavoro in Svizzera. 240 a Ginevra.

La soppressione dei posti di lavoro è la conseguenza della fusione annunciata in giugno ed effettiva dal primo luglio tra Lombard Odier & Cie e Darier Hentsch & Cie. Nel giugno 2004 la banca privata conterà 1700 dipendenti, contro gli attuali 2050. Non è ancora chiaro cosa succederà alla filiale di Lugano.

Piano sociale

All'estero il ridimensionamento toccherà gli uffici di Montréal, in Canada, e di Hong Kong, dove il personale delle due banche Lombard Odier & Cie e Darier Hentsch & Cie ricopre le stesse funzioni.

Il 10 per cento dei 300 dipendenti svizzeri sono già stati messi al corrente del loro licenziamento via e-mail. Altre 120 notifiche saranno fatte entro la fine dell'anno. Un intenso dialogo è stato stabilito con le autorità cantonali, che istituiranno «una cellula di aiuto per impieghi specifici in risposta ai problemi di gestione patrimoniale a Ginevra». L'ammontare dei costi generati dal piano sociale sarà dell'ordine di alcune decine di milioni di franchi.

Impiegati preoccupati

«La situazione del settore bancario è estremamente preoccupante e nulla segnala un'inversione di rotta», ha dichiarato la segretaria dell'ASIB, l'associazione degli impiegati di banca, Mary-France Goy. E i problemi a livello di segreto bancario fanno temere il peggio: «mancano solo alcune piccole amnistie fiscali qua e là e la misura sarà colma».

Capitali che ritornano

La questione delle amnistie fiscali è cruciale: in Italia il governo Berlusconi è riuscito a far rientrare con questo sistema 59 miliardi di euro quest'anno. Il 70% di questi fondi provenivano proprio da banche svizzere.

L'operazione è piaciuta anche in Germania, tanto da far dichiarare a Gerhard Schroeder sullo "Spiegel" di essere interessato ad imitarla. 100 miliardi di euro, anche in questo caso ospitati in Svizzera, rientrerebbero a casa.

Se anche Francia e Spagna si convertiranno al trend, davvero le banche private svizzere, che gestiscono i capitali più suscettibili al rimpatrio, si troveranno in una posizione molto scomoda.


swissinfo e agenzie

Gestione di fortune private

Il settore della gestione delle fortune private è il più provato dalla crisi dei mercati finanziari e dal rientro di capitali. Al contrario delle piccole banche, le grandi banche possono offrire alla loro clientela straniera una rete di banche e di affiliate all'estero.

Fine della finestrella

Fatti e cifre

Nuovi ricchi: 90% di chi possiede più di un miliardo di dollari non l'ha ereditato ma se l'è guadagnato

L'amnistia fiscale in Italia ha riportato in patria 59 miliardi di euro: il 4% del Pil nazionale

Fine della finestrella


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.