Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Bertarelli veleggia sulle nuvole

Ernesto Bertarelli sprizza entusiasmo

(swissinfo.ch)

Ernesto Bertarelli assapora ancora la vittoria di Alinghi contro Oracle. Pienamente integrato nella squadra, il proprietario di Serono è ormai un marinaio felice.

Ma il più duro deve ancora venire: battere New Zealand nella finale della Coppa America.

Una data che resterà per sempre negli annali svizzeri di vela: domenica 19 gennaio 2003! Alinghi, ambasciatrice di un paese dove l'acqua salata serve solo a far cuocere la pasta, incide il proprio nome su uno dei più prestigiosi trofei di vela, battendo gli americani di Oracle 5 a 1 nella finale della Louis Vuitton Cup.

«È un sentimento di gioia inaudita e di realizzazione. Quando vedo lo spirito che regna in questa squadra e quello che siamo riusciti a fare, è un successo completo!»

Piuttosto riservato, Ernesto Bertarelli esulta nel momento in cui la barca rossa a fiamme nere di Alinghi taglia il traguardo. Tutti si abbracciano, alcuni marinai piangono di gioia. Lo champagne cola a fiotti.

Nuove idee, nuove energie

A qualche giorno dalla vittoria storica, Ernesto Bertarelli non aveva ancora digerito completamente l'exploit: «È successo tutto un po' troppo in fretta forse. È bello poter rivivere i momenti forti di quest'ultima corsa attraverso le immagini, l'istante in cui la barca ha superato il traguardo, quando tutta la squadra si è unita a noi sul veliero e infine l'esplosione di gioia al momento della consegna del trofeo.»

Il proprietario nonché marinaio della barca svizzera è radioso. L'esperienza della Coppa e la vittoria gli hanno tolto dieci anni. Lo confessa a voce bassa e con un gran sorriso.

« Ho lavorato talmente tanto dal 1993 che questa avventura mi permette di rigenerarmi e di vivere pienamente la mia passione. La Coppa America chiuderà un ciclo della mia vita e ne aprirà un altro. Ho nuove idee, nuove energie e nuovi progetti!"

Una sconfitta per tirarsi di nuovo su

Ad Auckland, l'ideatore della sfida svizzera e proprietario dell'impresa biotecnologica Serono è un marinaio come gli altri. Così la prima sconfitta nei confronti degli americani di OneWorld ha permesso a tutti quanti di rimettere i puntini sulle i.

"Quel giorno, ammette, ho commesso degli sbagli che hanno rotto il ghiaccio. Da quel momento non sono più stato considerato come il padrone di Alinghi, ma come Ernesto il navigatore."

Da circa sei mesi, in effetti, Ernesto Bertarelli si fonde con la squadra di Alinghi e contribuisce, con le sue doti di marinaio, al successo del veliero elvetico. Ma l'avventura del navigatore serve anche al responsabile d'azienda.

Valori e idee

Il proprietario della ditta biotecnologica Serono ammette ad esempio di aver imparato un nuovo stile di management sul veliero.

"Alla Serono, da dieci anni ero coinvolto in ogni decisione. Con Alinghi, ho portato un contributo diverso, centrato su dei valori o idee filosofiche. Ho poi dato fiducia ai dirigenti, il che mi ha permesso di prendere un po' di distanza. Di vedere che si può aver successo contribuendo con un modo di pensare, è un ruolo nuovo per me!"

Per ora il suo ricordo più bello della Coppa Louis Vuitton resta la consegna ufficiale del trofeo, in cui Alinghi ha deciso di ricompensare sulla scena anche chi lavora nell'ombra per il successo della squadra.

"Veder ricompensato il cuore della squadra mi ha fatto davvero piacere. La loro gioia mostra che non bisogna chiamarsi Ernesto Bertarelli o Russell Coutts per capire i valori che cerchiamo di promuovere."



swissinfo, François Egger, Auckland
(trad. swissinfo: Raffaella Rossello)

In breve

Il 19 gennaio Alinghi vince la Coppa Louis Vuitton (le eliminatorie per la Coppa America) contro gli americani di Oracle.

Per la prima volta in 150 anni, il nome di una barca svizzera sarà iscritto sulla Coppa America, qualunque sia il risultato della finale (inizio il 15 febbraio) contro i detentori del titolo, il team New Zealand.

L'ideatore della sfida svizzera, direttore esecutivo della ditta biotecnologica Serono, Ernesto Bertarelli fa parte della squadra da sei mesi. Da Bertarelli il padrone è diventato Ernesto il navigatore.

È soprattutto orgoglioso di essere riuscito ad infondere forza e positività al progetto e alla squadra.

Fine della finestrella


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×