Boom delle auto nei prossimi 20 anni sulla A1 a detta del TCS

Le colonne, una situazione quasi quotidiana per chi viaggia sull'autostrada A1 e che, secondo le previsioni del TCS, è destinata a peggiorare nei prossimi vent'anni con l'aumento del numero dei veicoli Keystone

Il traffico automobilistico sull'autostrada A1 fra Berna e Zurigo potrebbe aumentare fino al 30 per cento nei prossimi vent'anni. A sostenerlo è uno studio commissionato dal Touring Club Svizzero (TCS) ad un'agenzia specializzata zurighese. I promotori dell'iniziativa «Avanti» ribadiscono perciò l'indispensabilità delle sei piste sulla A1 per limitare le colonne.

Questo contenuto è stato pubblicato il 17 agosto 2001 - 17:58

Secondo l'inchiesta in questione, le colonne sono quadruplicate sul tratto Berna-Zurigo fra il 1997 ed il 2000. Una situazione destinata a peggiorare ulteriormente nei prossimi anni, con l'effettodi paralizzare sempre più spesso la circolazione. Lo studio ammette peraltro che un'allargamento a sei piste dell'autostrada non impedirà al traffico di aumentare.

Oltre all'ampliamento a sei piste dell'A1 fra Zurigo e Berna e fra Losanna e Ginevra, l'iniziativa «Avanti» chiede anche il raddoppio della galleria del San Gottardo. Il Consiglio federale ha già respinto l'iniziativa e dovrebbe decidere prossimamente su un eventuale controprogetto.

Secondo Michael Gehrken, portavoce dell'Ufficio federale dellestrade (USTRA), lo studio dimostra che l'iniziativa non risolverà il problema del congestionamento del traffico in prossimità degli agglomerati. Per migliorare questa situazione, l'USTRA propone allargamenti limitati ai punti nevralgici.

Un ampliamento generale dell'A1, conclude il portavoce dell'USTRA, non farebbe altro che aumentare ulteriormente la circolazione e comprometterebbe la politica di trasferimento del traffico dalla strada alla ferrovia, finora perseguita dalla Confederazione.

swissinfo e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo