Casinò: nuovo progetto all'aeroporto di Kloten

Un nuovo progetto di Casinò per grandi giochi, che dovrebbe sorgere nell'area dell'aeroporto di Kloten, è stato lanciato dopo la decisione del municipio di Zurigo di non autorizzare un progetto previsto al palazzo dei congressi della città.

Questo contenuto è stato pubblicato il 21 luglio 2000 - 18:49

Nella Svizzera nordorientale (cantoni di Zurigo, Sciaffusa e Argovia) salgono così a sei i concorrenti per le tre licenze previste. Secondo quanto ha indicato all'Agenzia telegrafica svizzera il segretario della Commissione federale per le case da gioco, Christian Hess, in questa regione si prevede infatti di accordare una licenza A per i grandi giochi e al massimo due licenze di tipo B (Kursaal).

Il nuovo progetto all'aeroporto di Kloten è promosso dalla Swiss Casino SA, che già è in corsa per diverse altre sale da gioco in tutta la Svizzera, fra cui il Gran Casinò di Chiasso. La società è stata contattata dai responsabili dell'aeroscalo e ieri sera ha accettato di partecipare al nuovo progetto, ha indicato Peter Meier, amministratore delegato della Swiss Casinos SA, confermando una notizia del «Tages Anzeiger» di venerdì.

Swiss Casinos partecipa anche al progetto al «Kongresshaus» di Zurigo, che nonostante un ricorso contro il rifiuto del permesso di costruzione si è ormai visto ridotte le sue chances. Sempre a Zurigo un altro concorrente in lizza per una licenza A è il «Grand Casino Zentrum Zürich Nord», che dovrebbe sorgere nel quartiere in piena espansione di Oerlikon.

Un quarto progetto è stato lanciato a Wintherthur, ma i suoi promotori non hanno ancora deciso se richiedere una licenza di tipo A o B. La lista comprende inoltre due Kursaal già in funzione: quello di Baden, che dispone di una licenza B provvisoria e vuole ottenerne una per i grandi giochi, e quello di Sciaffusa, in corsa per una licenza B.

swissinfo e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo