Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Commercio equosolidale Prezzo onesto per i produttori di caffè

Ixil Torres e Adrian Borter in una piantagione di caffé.

La chiave del successo della società fondata dallo svizzero Adrian Borter e dalla moglie nicaraguense Ixil Torres risiede nella combinazione tra la competenza in materia di caffè della consorte e l'esperienza in economia aziendale del marito.

(swissinfo.ch)

Uno svizzero e sua moglie sostengono coltivatori di caffè del Nicaragua. Grazie al loro aiuto, i produttori possono affrancarsi dalle multinazionali, come Starbucks e McDonalds, che acquistano il prodotto delle loro fatiche a un prezzo irrisorio.

Victor Robelo scosta i rami di una pianta di caffè come se stesse accarezzando i capelli di una donna. Sotto le foglie verdi lucenti fanno bella mostra di sé due file di frutti del caffè. Le drupe di colore rosso sono mature. Robelo prende un frutto, incide la dura buccia e fa emergere il chicco bianco-verde.

"La polpa è commestibile", dice e se la mette in bocca. È davvero così: ha un buon sapore dolce e dissetante. Per la produzione del caffè servono però solo i grani, che prima della tostatura sono verdi.

"I chicchi che imbarchiamo per l'Europa sono spesso verdi. Infatti ogni Paese predilige un altro tipo di tostatura", spiega Robelo. Se gli scandinavi preferiscono una tostatura più leggera, gli Stati che si affacciano sul Mediterraneo vogliono una torrefazione più forte. E gli svizzeri? "Beh, com'è loro tradizione privilegiano una via di mezzo: una tostatura media", dice Robelo.

Victor Robelo in mezzo a una piantagione di caffé.

Il produttore Victor Robelo ha inconsciamente venduto a lungo il caffè a prezzi nettamente inferiori a quelli del mercato.

(swissinfo.ch)

Bevanda dei re

"Prima di venire in Nicaragua, credevo che l'espresso fosse più buono quando la tostatura era particolarmente forte", dice Adrian Borter. Cresciuto nel cantone di Berna, da cinque anni vive a Matagalpa, nella regione settentrionale del Paese centroamericano conosciuta per la produzione di caffè. Adrian Borter lavora per la fondazione svizzera Business Professionals NetworkLink esterno.

"Prima il caffè per me era semplicemente una bevanda. Quando ho visitato una piantagione in Nicaragua mi sono reso conto quanto lavoro richieda una singola tazza di caffè. In fondo è una bevanda da re. Infatti una volta, bere caffè era un piacere riservato ai sovrani visto l'enorme impegno per la sua produzione". In effetti, la maggior parte del lavoro viene svolto a mano.

Nel frattempo, il suo rapporto con questa pianta è cambiato completamente, grazie anche a sua moglie Ixil Torrez. La donna, dotata di una vivacità non comune, è cresciuta in una famiglia di produttori di caffè di Matagalpa. Per sette anni ha lavorato nell'azienda familiare; poi ha frequentato la Scuola di economia e scienze politiche di Londra, conseguendo un master in economia internazionale. Materia principale: studi sul caffè.

"Sono affascinata da tutto ciò che ruota attorno al caffè – dalla pianta alla vendita, dal sapore alla commercializzazione. Ciò che mi interessa maggiormente sono i coltivatori", dice Ixil Torrez.

Così, quando ha ricevuto un'offerta di un posto di lavoro come dottoranda dell'università vi ha rinunciato: "In Europa ho studiato come funziona il commercio del caffè e ho scoperto quali sbagli commetteva il Nicaragua. Per questo motivo ho voluto ritornare a casa per aiutare la mia gente".

Senza l'aiuto di nessuno

I Paesi produttori di caffè maggiormente conosciuti a livello internazionale sono Colombia, Costa Rica e Brasile. Il Nicaragua, invece, deve ancora ritagliarsi il suo spazio sulla scena mondiale, nonostante commerci un prodotto di altissima qualità. Spesso gli agricoltori non sanno bene come funziona il mercato mondiale, non hanno i giusti contatti e sono sprovvisti della necessaria furbizia imprenditoriale.

A differenza, per esempio, dell'Honduras, il Nicaragua non sovvenziona la produzione di caffè. I contadini devono sbarcare il lunario senza alcun sostegno economico. Per questo motivo sono contenti se possono vendere il prodotto delle loro fatiche a un acquirente straniero. Ad approfittare di questa situazione sono, per esempio, le grandi multinazionali estere, come McDonalds e Starbucks. Queste comperano il loro caffè in Nicaragua a un prezzo irrisorio.

Paesaggio collinare con coltivazioni di caffé in Nicaragua.

Il Nicaragua non è un tipico Paese conosciuto in tutto il mondo per le esportazioni di caffé, ma la qualità della sua produzione sta conquistando sempre più clienti.

(swissinfo.ch)

Anche Victor Robelo non sapeva di vendere il suo caffè a un prezzo troppo basso. "All'inizio pensavo fosse il prezzo standard". Poi, per caso in un aeroporto, il piccolo coltivatore ha seguito la discussione sul costo del caffè di alcuni commercianti. Si è così reso conto che poteva richiedere un prezzo più alto per i suoi chicchi, visto che il valore del caffè a livello internazionale viene stabilito in borsa.

Grazie a questa esperienza casuale, Robelo ha iniziato a interessarsi al commercio internazionale del caffè. Inoltre ha fatto certificare la sua azienda con il marchio di qualità Rainforest-Alliance. Aveva già prima tutte le carte in regola per ottenere questo riconoscimento, ma non sapeva che grazie a questo marchio avrebbe potuto vendere il caffè a un prezzo superiore.

Più che equosolidale

Ma non tutti i produttori di caffè possono permettersi tale certificazione. Inoltre molti non conoscono i prezzi del caffè sul mercato internazionale. Per questo motivo, Ixil Torrez e Adrian Borter hanno fondato l'azienda AdixcoffeeLink esterno: un nome nato dalla combinazione dei loro nomi di battesimo, ma anche dalla parola "addicts" (in italiano, dipendente), visto che non riescono a iniziare la giornata senza una tazza di caffè. La loro ditta acquista il caffè dai piccoli contadini, che conoscono personalmente, vendendolo poi a un prezzo giusto ai commercianti all'estero.

"La combinazione tra la competenza in materia di caffè di Ixil e la mia esperienza in economia aziendale, tra la sua passione e il mio debole per la qualità svizzera sono gli elementi che favoriscono il successo della nostra iniziativa", dice Adrian Borter.

Con il ricavato della società, la coppia sostiene le famiglie povere affinché possano costruirsi una casa decente o avere accesso a un impianto igienico sanitario. Inoltre "Adixcoffee" permette alla loro famiglia – la coppia ha due figli – di contare su un'entrata accessoria visto che dà l'opportunità a Ixil di occuparsi da casa della compravendita di caffè.

Lo svizzero Adrian Borter commercia caffé, acquistandolo a prezzo equo da coltivatori in Nicaragua che conosce personalmente.

(swissinfo.ch)

Primi test in Svizzera

Benché non sia conosciuto ovunque, il caffè nicaraguense è venduto anche in Svizzera. La piccola azienda di torrefazione "Cafés du monde" a Courchapoix, nel canton Giura, ha acquistato 25 chilogrammi per testarne la qualità. "La dolcezza del caffè è piaciuta molto ai nostri clienti", dice il torrefattore Yanick Iseli, che ha visitato personalmente una delle piantagioni a Aranjuez, nei pressi di Matagalpa. Inoltre è amico della coppia svizzero-nicaraguense. Iseli sostiene che la difficile situazione economica in Nicaragua e le multinazionali straniere impediscono alla cultura del caffè in Nicaragua di progredire, soprattutto per quanto riguarda la qualità del prodotto.

"Molti produttori credono di dover puntare sulla quantità, dimenticando la qualità. In Nicaragua ci sono tutti i requisiti per proporre sul mercato un ottimo prodotto", sostiene con convinzione Yanick Iseli. Il clima e la posizione geografica sono ideali per la produzione. Alcune piantagioni producono un caffè eccellente", spiega Iseli. Nei prossimi anni intende acquistare caffè equosolidale e di produzione biologica direttamente dai coltivatori in Nicaragua e venderlo nella sua ditta di torrefazione nel Giura.


(Traduzione dal tedesco: Luca Beti)

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.