Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Comparabilità nella struttura dei costi ospedalieri

L'Ufficio federale della sanità pubblica vuole studiare da vicino i costi degli ospedali

(Keystone)

Grazie ad una nuova statistica, l'Ufficio federale della sanità pubblica può paragonare per la prima volta in modo uniforme i costi degli ospedali svizzeri.

Le cifre chiave di 255 ospedali - i tre quarti del totale - dovrebbero creare trasparenza e permettere una pianificazione ospedaliera efficace.

Per la prima volta tre quarti degli ospedali svizzeri possono essere paragonati in base a criteri uniformi. A renderlo possibile è uno studio pubblicato lunedì dall'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), che mira così a rafforzare la trasparenza nel sistema sanitario elvetico.

I dati di 255 istituti di cura, pubblici e privati, su un totale di 345, sono riassunti in una pagina ciascuno. Sono incluse informazioni su numero e durata delle ospedalizzazioni, pazienti, prestazioni, strumenti, personale e finanze (salari e spese di gestione).

Solo novanta ospedali, soprattutto privati, non hanno autorizzato la pubblicazione delle indicazioni concernenti i loro istituti.

I diagrammi permettono un paragone diretto tra strutture dello stesso tipo (ospedali universitari, di psichiatria, chirurgia, maternità, riabilitazione, generici ecc.). Si nota per esempio che a livello nazionale il centro ospedaliero di Ginevra (HUG) è il più importante per quanto riguarda le giornate di cura e il numero di letti. Segue l'ospedale universitario CHUV di Losanna.

Comparare quantità e qualità

Questa nuova statistica comparativa è «un primo passo» per migliorare la trasparenza tra i vari attori del sistema sanitario e potrà servire sia agli istituti di cura che ai cantoni e ai pazienti, ha sottolineato in una conferenza stampa il direttore dell'Ufficio federale della sanità pubblica Thomas Zeltner.

Tuttavia, al momento la statistica contiene solo informazioni quantitative che non permettono di giungere a conclusioni totalmente affidabili. In futuro, hanno sottolineato gli esperti dell'UFSP, tra i criteri di comparazione verranno inserite anche indicazioni di tipo qualitativo. La statistica sarà aggiornata annualmente.

Tenere sotto controllo la fattura sanitaria

La messa a punto di questo nuovo strumento – ha spiegato Zeltner – è giustificata dal fatto che i costi ospedalieri continuano a progredire e rappresentano oltre un terzo dell'intera fattura sanitaria.

Secondo il direttore dell'UFSP il nuovo documento darà sicuramente adito a discussioni «fruttuose» non solo nei nosocomi, ma anche fuori da essi. Potrà inoltre servire da base di analisi per la pianificazione ospedaliera.

Zeltner ha poi ricordato che il parlamento sta discutendo la possibilità di introdurre forfait legati alle prestazioni nell'ambito della riforma del finanziamento degli ospedali. Il direttore dell'UFSP ritiene che la possibilità di confrontare i vari dati sia anche nell'interesse dei pazienti: si prevede infatti di autorizzare gli assicurati a decidere liberamente la struttura in cui vogliono essere curati, indipendentemente dal cantone di domicilio.

swissinfo e agenzie

Fatti e cifre

I trattamenti ospedalieri rappresentano più di un terzo della fattura sanitaria elvetica. Nel 2004 gli ospedali sono costati 18,2 miliardi di franchi, una cifra che continua a salire.
L'ospedale svizzero più grande è l'HUG di Ginevra con 382'774 giorni di cura e 1'169 letti. Segue il CHUV di Losanna con 359'612 giorni di cura e 1'061 letti.
Per quanto riguarda la psichiatria e la geriatria, il centro più importante è la Belle Idée di Ginevra (144'000 giorni di cura e 400 letti per ciascuno dei due reparti).
L'ospedale pediatrico di Zurigo è il più importante nel suo settore (62'819 giornate di cura e 231 letti).

Fine della finestrella


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×