Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Consuntivo 2001: 1,3 miliardi di disavanzo

C'è poco da rallegrarsi per il presidente della Confederazione

(Keystone)

Il Consiglio federale ha preso atto del disavanzo di 1,3 miliardi, invece delle previste maggiori entrate per 18 milioni.

Il Dipartimento federale delle finanze (DFF) cita tre motivi principali che hanno provocato questo ritorno nelle cifre rosse: massiccia caduta del gettito dell'imposta preventiva (2,3 miliardi meno del previsto), gli impegni finanziari in favore di Swissair e della nuova compagnia aerea (oltre 1 miliardo di franchi di uscite supplementari nel 2001) e, infine, 300 milioni di franchi in più in favore di Expo02.

"Un risultato per nulla soddisfacente, tanto più che le prospettive per le casse federali sono cupe anche per quest'anno" ha ammesso il presidente della confederazione Kaspar Villiger.

L'evoluzione delle entrate

Il gettito delle imposte preventiva è calato fortemente a causa dell'andamento critico della borsa. Ci si aspettavano entrate per 3,2 miliardi, mentre sono state inferiori ai 900 milioni. Poi, come detto prima, ci sono stati Swissair e l'Expo a completare l'opera.

Anche le tasse di bollo e l'imposta sugli oli minerali hanno registrato un gettito inferiore al previsto, da ricondurre soprattutto al calo del turismo della benzina in Ticino.

Per contro, nell'ambito dell'imposta federale diretta, dell'imposta sul valore aggiunto e delle tasse sul traffico pesante si sono registrate notevoli maggiori entrate rispetto al preventivo.

Grazie alla buona congiuntura, l'assicurazione contro la disoccupazione e la garanzia contro i rischi dell'esportazione hanno restituito i loro mutui prima del previsto. Oltre ai dividendi ordinari, Swisscom ha distribuito ulteriori mezzi sotto forma di riduzioni del valore nominale.

Freno all'indebitamento: obiettivo mancato

L'obiettivo di bilancio 2001 limita il disavanzo massimo ammesso al due per cento delle entrate: nell'anno appena trascorso è stato mancato di poco, ossia di 120 milioni. Tenuto conto del saldo del fondo dei grandi progetti ferroviari, secondo i parametri di Maastricht, il disavanzo ammonterebbe a 1,7 miliardi. Ma dato che si prevedono ulteriori maggiori uscite negli anni 2003 e 2004, si può dire che il sovraccarico delle finanze federali è ormai di natura strutturale.

Il Consiglio federale presenterà e commenterà in dettaglio il risultato nel messaggio concernente il conto di Stato 2001. La pubblicazione è prevista per la seconda metà di aprile del 2002.

swissinfo e agenzie

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.