Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Contaminazioni jazz a Willisau

Il festival di Willisau è noto non solo per la sua musica, ma anche per i suoi manifesti.

(www.jazzwillisau.ch)

Dalle note mediterranee di Gianluigi Trovesi e Louis Sclavi all'avanguardia newyorchese di John Zorn, passando per la fisarmonica di Richard Galliano.

Il 28° festival di Willisau, in programma da giovedì a domenica, esplora i nuovi territori del jazz.

Accanto a Montreux, Berna e Lugano, il festival jazz di Willisau è un appuntamento immancabile, in Svizzera, per i cultori del jazz.

Anzi, fra tutte le kermesse musicali nel segno del jazz, è forse quella ha saputo mantenere meglio, nel corso degli anni, una sua identità ben definita.

Certo, dagli inizi free-jazz, anche Willisau si è aperto ad una maggiore commistione di stili.

Ma l'esplorazione delle zone di confine tra i generi, guidata dalla mano esperta dell'iniziatore e organizzatore Niklaus Troxler - noto anche per i suoi manifesti del festival - non perde mai di vista l'evoluzione del jazz contemporaneo.

Omaggio agli innovatori

Ad aprire il festival, giovedì, è chiamato il fisarmonicista Richard Galliano, che rende omaggio all'amico e maestro del bandoneon Astor Piazzolla - morto 10 anni fa - con un'originale formazione, composta da fisarmonica, basso, pianoforte e quartetto d'archi.

Altro tributo è quello dedicato sabato al compositore americano William C. Hardy (1873-1958), autore del celeberrimo "St. Louis Blues", dalla pianista Aki Takase, accompagnata per l'occasione da tre instancabili sperimentatori del calibro di Fred Frith (chitarra), Nils Wolfgram (trombone) e Paul Lovens (batteria).

Tra jazz, classica e folklore

Se già la fisarmonica di Richard Galliano sa viaggiare tra musica colta e musica popolare, non sono da meno le formazioni di Gianluigi Trovesi e di Louis Sclavi.

Il primo, clarinettista e sassofonista con formazione classica e lunga esperienza jazz, presenta giovedì - con il suo ottetto - la suite "Blues and West", storia suonata del jazz dalle origini blues al free contemporaneo.

Louis Sclavi è invece di scena sabato pomeriggio con il progetto "Napoli's Walls", viaggio tra le strade e i suoni della metropoli partenopea.

La via elettrica

Tutta all'incontro tra jazz e elettronica - terreno fertile di impulsi fin dal leggendario "Bitches Brew" di Miles Davis del 1970 - è dedicata la serata di venerdì.

Di scena il trio Headfake - due ex-Living Colour, Doug Wimbis (basso) e Will Cahoun (batteria), più DJ Logic -, il collettivo di DJ tedeschi Jazzanova, stella di prima grandezza del nu-jazz europeo, e il norvegese Eivind Aarset, chitarrista di Nils Petter Molvaers e autore di "Electronique Noire", fra i più interessanti esperimenti a cavallo fra jazz e techno degli ultimi anni.

Improvvisazione fra New York e Zurigo

Per gli amanti dell'improvvisazione, da non perdere domenica il concerto del New New York Art Quartett, riedizione potenziata di una formazione storica del free-jazz.

Ai musicisti della band originale, Roswell Rudd (trombone), Reggie Workman (basso) und Milford Graves (batteria), si affiancherà nientemeno che John Zorn, iper-produttivo sassofonista newyorchese e protagonista di molti dei più innovativi progetti jazz degli anni Novanta.

E sempre domenica, con il supergruppo statunitense si misurerà una delle migliore formazioni europee dedite all'improvvisazione: il quintetto Big Zoom guidato dal percussionista zurighese Lucas Niggli.

A chiudere il festival ci penseranno domenica sera i Bassdrumbone con Mark Helias, Gerry Hemingway e Ray Anderson e la Bubblefamily della cantante svizzera Erika Stucki.

Da non dimenticare infine i concerti gratuiti e la mostra "Jazz sul palco e dietro le quinte" della fotografa svizzera Francesca Pfeffer.

Andrea Tognina, swissinfo


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.