Navigation

Covid: test a personale alberghi e maestri di sci St. Moritz

Test Covid obbligatori per il personale degli alberghi e delle scuole di sci di St. Moritz KEYSTONE/GIANCARLO CATTANEO sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 23 gennaio 2021 - 09:46
(Keystone-ATS)

Il personale degli alberghi di St. Moritz e Celerina e i maestri di sci attivi nei comprensori del Corviglia e del Corvatsch saranno tenuti a sottoporsi al test del coronavirus.

Lo ha annunciato oggi il canton Grigioni precisando che si tratta di una "misura di sicurezza finalizzata a prevenire nuovi contagi e di conseguenza interruzioni dell'attività".

Dopo la scoperta di casi della variante inglese del virus in due alberghi di St. Moritz, l'Ufficio dell'igiene pubblica dei Grigioni aveva organizzato un test a tappeto su base volontaria fra la popolazione della località turistica. Ora il cantone estende i test e li rende obbligatori per alcune categorie professionali in contatto con i vacanzieri.

Tutti i collaboratori degli alberghi di St. Moritz e Celerina dovranno quindi sottoporsi a un test PCR lunedì o martedì. Lo stesso vale per le persone che attualmente lavorano per scuole di sci e di sport nei comprensori sciistici Corviglia e Corvatsch o che inizieranno questa attività entro il 1° febbraio.

Sarà esentato solo chi è in grado di presentare il risultato negativo di un test PCR effettuato dopo il 17 gennaio e chi può provare di essersi ammalato di COVID-19 dopo il 17 novembre 2020. Non è quindi necessario che le persone che hanno partecipato al test su base volontaria di martedì scorso si sottopongano nuovamente al tampone.

Questa misura "serve a impedire che la nuova variante si diffonda ulteriormente dai focolai locali individuati". Il cantone raccomanda inoltre a tutte le imprese di far sottoporre regolarmente ai test i propri collaboratori.

I risultati delle analisi del personale alberghiero e delle scuole di sci non saranno disponibili prima di mercoledì sera, precisa ancora il comunicato. Dal test volontario svolto in settimana è risultato che il tasso di positività medio nei due alberghi interessati era del 4% e quello tra la popolazione dell'1%. "A seguito della rapida individuazione delle mutazioni - la quale è stata resa possibile dal test a tappeto effettuato - è stato possibile evitare la chiusura o la messa in quarantena di altri alberghi. L'analisi dei test dimostra inoltre che i piani di protezione negli alberghi sono efficaci", conclude il cantone.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.