Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Crisi umanitaria Guerra in Siria: "La Svizzera deve fare di più"

Un bâtiment détruit à Raqqa, dans le nord de la Syrie

Molte case sono state distrutte in tutte le regioni della Siria. Questa foto è stata scattata il 31 marzo scorso nella città settentrionale di Raqqqa.

(Keystone / Ahmed Mardnli)

L'impegno della Svizzera in Siria e nei paesi limitrofi non è sufficiente, sostiene Caritas. L'organizzazione chiede maggiori risorse finanziarie per la formazione e la ricostruzione.

La guerra in corso da otto anni in Siria ha costretto milioni di persone a fuggire all'interno del paese o negli Stati confinanti. "In Giordania e Libano, i sistemi sociali sono davvero sull'orlo dell'esplosione", afferma Fabrice Boulé.

Lo scorso gennaio il responsabile della comunicazione di Caritas per la Svizzera romanda è andato a incontrare i rifugiati vicino a Damasco, così come a Beirut e nella pianura della Bekaa in Libano. "Le famiglie si ritrovano divise e sono alla costante ricerca di soluzioni per sopravvivere", aggiunge Boulé. “Due persone mi hanno detto che avevano cercato di tornare a casa, ma era impossibile perché la loro abitazione era stata distrutta o occupata. Le condizioni per un ritorno non sono soddisfatte”.

Des tentes de réfugiés sur un champ au Liban

I campi profughi della pianura della Bekaa in Libano sono particolarmente esposti alle intemperie durante l'inverno.

(Copyright 2019 The Associated Press. All Rights Reserved.)

Dall'inizio del conflitto, molte ONG svizzere sono attive in Siria e nei paesi limitrofi per aiutare i profughi e le comunità locali. La Caritas ha impiegato finora 44 milioni di franchi, soprattutto nell'aiuto d'urgenza e nelle scuole.

Secondo i dati del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE), dal 2011 la Confederazione ha stanziato oltre 397 milioni di franchi per sostenere la popolazione colpita nella regione (circa 50 milioni di franchi all'anno). Il DFAE precisa che "si tratta dell'impegno umanitario più importante della Svizzera".

«Si tratta dell'impegno umanitario più importante della Svizzera».

DFAE

Fine della citazione

Fare ancora di più

Questo contributo finanziario è considerato insufficiente dalla Caritas. L'organizzazione invita la Confederazione a fare di più e a passare dall'aiuto d'urgenza all'aiuto a medio termine. L’organizzazione umanitaria chiede al DFAE di stanziare 20 milioni di franchi all'anno per progetti di ricostruzione in collaborazione con imprese svizzere.

Questo denaro permetterebbe di pagare gli insegnanti e di creare centri di formazione. "Sarebbe il segno di un impegno coerente e duraturo della Svizzera in Siria", afferma Fabrice Boulé. La Caritas rileva che le spese per l'assistenza ai rifugiati sono diminuite negli ultimi anni. E invita pertanto la Confederazione a utilizzare il denaro risparmiato in Svizzera per sostenere i rifugiati sul posto.

Des enfants jouent au milieu des tentes dans un camp de réfugiés

Bambini giocano in un campo profughi nella pianura della Bekaa in Libano.

(Copyright 2019 The Associated Press. All Rights Reserved.)

Senza rispondere a queste proposte, il DFAE si è limitato a indicare che l'aiuto umanitario in Siria e dintorni ammonta a 61 milioni di franchi per il 2019. E che "a causa degli effetti devastanti del conflitto sull'intera regione e del pesante fardello sopportato dai paesi vicini con l'arrivo di milioni di rifugiati, la Svizzera ha definito il proprio coinvolgimento nella crisi siriana nell'ambito di un programma di cooperazione regionale per il periodo 2019-22".

«La situazione attuale non permette a queste persone di tornare a casa».

Fabrice Boulé, Caritas

Fine della citazione

Coordinamento internazionale

La Svizzera è attiva soprattutto nei settori della protezione delle persone, dell'educazione, della prevenzione dei conflitti e dell'approvvigionamento idrico. "Questi interventi fanno parte del Piano di risposta umanitaria esterna per la Siria sviluppato dalle Nazioni Unite", indica il DFAE. “Questo piano non comprende attualmente attività di ricostruzione su larga scala".

Il governo svizzero ha inoltre deciso di stanziare altri 7 milioni di franchi nel 2019 per affrontare le cause del conflitto in Siria attraverso il processo di pace delle Nazioni Unite a Ginevra.

La Caritas si preoccupa anche per il futuro dei siriani che hanno chiesto asilo in Svizzera. La metà di loro non dispone di uno statuto di rifugiato, ma solo di un’ammissione provvisoria, si rammarica l'organizzazione. "La situazione attuale non permette a queste persone di tornare a casa", spiega Fabrice Boulé. “Dobbiamo quindi fornire loro delle prospettive per il futuro, affinché possano superare l'incertezza, formarsi, lavorare e dare la possibilità ai loro figli di frequentare una scuola”.


Traduzione di Armando Mombelli

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.