Crossair: il personale di cabina accetta la nuova CCL

Col nuovo contratto Crossair diventa un datore di lavoro più allettante Keystone

I membri del personale di cabina di Crossair affiliati al sindacato "kapers" hanno approvato la Convenzione collettiva di lavoro (CCL). Il nuovo contratto di lavoro, conseguentemente, è entrato in vigore il 1° luglio 2001 e sarà valido fino al 2004. La CCL rimpiazza tutti i contratti di lavoro individuali, e permette di migliorare la situazione contrattuale e le condizioni di lavoro delle 1300 Cabin Crew Members di Crossair.

Questo contenuto è stato pubblicato il 02 luglio 2001 - 15:45

I membri del sindacato "kapers" hanno approvato la CCL con 209 voti a favore e 62 contrari. La partecipazione allo scrutinio è stata del 45,5 per cento. Per la ratifica del nuovo contatto di lavoro era richiesta una maggioranza dei due terzi, pari a 181 voti. Sui 1300 membri del personale di cabina di Crossair, circa 600 sono affiliati al sindacato "kapers".

La nuova CCL concede adeguamenti salariali per i primi anni di servizio, come pure un miglioramento delle indennità e del regolamento del servizio di volo. Accorda anche più vacanze e un maggior numero di giorni festivi. Prevede pure - e si tratta di una novità - un diritto di partecipazione a tre livelli, che non limita tuttavia le facoltà decisionali della compagnia.

La direzione di Crossair esprime soddisfazione per questo risultato e spera che la nuova CCL permetterà alla professione di diventare più attrattiva, facilitando, in futuro, il reclutamento di nuove Cabin Crew Members.

swissinfo e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo