Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Dai garage alle università Tra genio e follia: invenzioni di scena a Ginevra

Il Salone delle invenzioni di Ginevra ha la reputazione di una fiera in cui vengono presentati gadget un po’ stravaganti. Gli organizzatori intendono però liberarsi di questa immagine e accolgono un numero sempre più grande di istituti di ricerca e università. Per la prima volta quest’anno tra gli ospiti figura anche l’EPFL, il politecnico federale di Losanna.

Circa 725 espositori provenienti da 40 paesi sono riuniti a Ginevra per la 45esima edizione del Salone internazionale delle invenzioniLink esterno, la più importante fiera del mondo di questo tipo. Dal 29 marzo al 2 aprile 2017 il pubblico potrà osservare oltre mille prototipi, tutti in lizza per essere messi sul mercato.

Nonostante la sua reputazione di fiera dei gadget, quest’anno al Salone di Ginevra saranno presentate diverse invenzioni pratiche nel campo della medicina e della salute, dell’energia e dell’ambiente, della tecnologia informatica e della sicurezza. L’80% circa degli espositori proviene da imprese, università e istituti di ricerca.

«Oggi inventare qualcosa di nuovo costa sempre di più, soprattutto se lo si vuole brevettare. I tempi in cui un prototipo veniva realizzato in un garage sono ormai finiti», ha dichiarato a swissinfo.ch il presidente del Salone Jean-Luc Vincent. 

(Testo: Simon Bradley)