Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Delegazione svizzera nei Territori palestinesi

Scene di vita quotidiana a Gaza, dove la popolazione vive in una situazione estremamente precaria

(Keystone)

Un gruppo di parlamentari, universitari e scrittori svizzeri si reca per una settimana in visita in Cisgiordania e a Gaza per raccogliere informazioni.

Gli ospiti svizzeri, che hanno risposto ad un invito dell’Autorità palestinese, dovrebbero incontrare tra l’altro anche Yasser Arafat.

La delegazione, che comprende 12 persone, intende innanzitutto discutere con molta gente nei Territori palestinesi per farsi un’idea della loro vita sotto l’occupazione dell’esercito israeliano.

“I membri di questa delegazione avranno la possibilità di vedere con i loro occhi la realtà sul posto e costatare le violazioni del diritto umanitario internazionale”, afferma Anis Al-Qaq, rappresentante a Berna dell’Autorità palestinese.

“È molto importante che i parlamentari svizzeri possano discutere dei vari aspetti che concernono i palestinesi e il processo di pace”.

Della delegazione fanno parte quattro parlamentari: un socialista, un popolare democratico e due verdi.

Ruolo attivo della Svizzera

Secondo Anis Al-Qaqs, la Svizzera sta svolgendo un ruolo di primo piano nell’ambito degli sforzi internazionali per porre fine al conflitto in Medio Oriente.

In particolare con il sostegno accordato dalla Confederazione alla cosiddetta Iniziativa di Ginevra, un piano di pace non ufficiale lanciato da pacifisti israeliani e palestinesi e firmato nel dicembre scorso.

Visione unilaterale

Anche il parlamentare del Partito ecologista Daniel Vischer, membro della delegazione, ritiene molto importante che la delegazione possa farsi un quadro esauriente della vita nei Territori palestinesi.

“Ho l’impressione che in Svizzera non riceviamo abbastanza informazioni e che queste informazioni siano troppo unilaterali”, dichiara Vischer.

“I media svizzeri non mostrano abbastanza quanto la vita sia estremamente dura nei Territori palestinesi”.

Nel corso della settimana, il gruppo ha previsto un folto programma di incontri, tra cui anche con parlamentari palestinesi, il presidente Arafat, membri di gruppi civili e rappresentanti di istituzioni culturali.

La delegazione intende visitare anche il controverso muro di sicurezza costruito da Israele, per verificare in che misura colpisce la popolazione palestinese.

Incontri con gli israeliani

Per non essere accusati di imparzialità, gli ospiti svizzeri hanno previsto di avere anche una serie di incontri con membri del parlamento israeliano.

Anche se la delegazione non ha uno statuto ufficiale, secondo Vischer i suoi membri sono interessati a discutere della posizione della Confederazione nel processo di pace in Medio Oriente.

“Non abbiamo nessun mandato per illustrare la posizione svizzera. Ma siamo pronti a sottolineare i molteplici e positivi sforzi compiuti dalle autorità elvetiche per sostenere la pace, a cominciare dall’Iniziativa di Ginevra”, spiega Vischer.

swissinfo, Morven McLean and Mohamed Cherif
(traduzione Armando Mombelli)

Fatti e cifre

Da sabato, una delegazione svizzera di 12 persone visita per circa una settimana i Territori palestinesi di Gaza e Cisgiordania.
Tra i membri del grupppo vi sono i parlamentari Daniel Vischer (Verdi), Geri Müller (Verdi), Bruno Frick (Partito popolare democratico) e Carlo Sommaruga (Partito socialista).
La delegazione incontrerà, tra l'altro, parlamentari israeliani e palestinesi, come pure il presidente dell'Autorità nazionale palestinese Yasser Arafat.

Fine della finestrella


Link

×