Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Democrazia locale I Comuni svizzeri vogliono farsi sentire di più a Berna

Bürger stimmen an einer Freiluft-Gemeindeversammlung mit Handerheben ab

Neppure nuove idee, tra cui un’assemblea comunale all'aperto, come questa tenuta a Bassersdorf, nel Canton Zurigo, non frenano la tendenza al calo della partecipazione degli abitanti.

(Thomas Kern/swissinfo.ch)

Nessun altro paese offre diritti democratici così estesi, come la Svizzera, dove gli elettori possono lanciare iniziative federali, iniziative cantonali, referendum. Ora si vuole introdurre un altro strumento democratico: il referendum dei Comuni. Le prospettive di successo sembrano però piuttosto scarse.

Questo articolo fa parte di #DearDemocracyLink esterno, la piattaforma di swissinfo.ch sulla democrazia diretta. Qui, oltre a giornalisti interni della redazione, si esprimono anche autori esterni. Le loro posizioni non corrispondono necessariamente a quelle di swissinfo.ch.

Fine della finestrella

Può suscitare un certo sospetto di autocompiacimento chi ripete che gli svizzeri sono i campioni del mondo delle votazioni. È però un dato di fatto: con oltre 600 votazioni tenute finora già solo a livello nazionale, la Svizzera si trova ben davanti agli altri paesi in ambito di democrazia diretta. 

Ma ciò non sembra bastare: ora vi è chi chiede anche l’introduzione di un referendum dei Comuni a livello federale. In pratica, almeno 200 Comuni appartenenti ad almeno 15 Cantoni potrebbero farne ricorso per opporsi ad una decisione del Parlamento federale contraria ai loro interessi. Spetterebbe poi all’elettorato decidere a favore del Parlamento federale o dei Comuni. 

Democrazia diretta Cos’è un referendum?

Importante strumento della democrazia diretta svizzera, il referendum consente al popolo di avere l’ultima parola sulle decisioni del parlamento.

La proposta proviene dall’Associazione dei Comuni svizzeri, che raggruppa circa 1600 dei 2222 Comuni elvetici. L’obbiettivo è di rafforzare la loro posizione nei confronti dei Cantoni e della Confederazione, che si sarebbe indebolita negli ultimi tempi. 

Sfide troppo grandi per molti Comuni 

Le fondamenta della democrazia svizzera si stanno effettivamente erodendo: molti Comuni stentano a sussistere, altri hanno già scelto la via della fusione per creare entità più grandi, in grado di affrontare meglio le sfide attuali. Questi i problemi principali: 

1 – Compiti sempre più complessi da svolgere 

2 – Pressione finanziaria sempre più forte 

3 – Carenza di volontari pronti ad impegnarsi nella politica comunale 

4 – Calo della partecipazione dei cittadini alla democrazia locale, un fenomeno in corso già da decenni.

Soprattutto, il cocktail di problemi  1 - 3 sembra "letale": degli oltre 3000 Comuni che esistevano un tempo, quasi 800 sono scomparsi negli ultimi 30 anni a seguito di fusioni – ossia più di un quarto. Un cambiamento radicale, la cui fine non è ancora in vista. Allo stesso tempo, il peso della politica si è spostato sempre più verso la Confederazione e i Cantoni.

Il referendum facoltativo dei Comuni 

Non è una novità. Un tale strumento esiste in sette Cantoni svizzeri. Tuttavia, gli ostacoli non sono gli stessi ovunque a causa del "cantonalismo" – ossia la sovranità dei Cantoni, che è molto pronunciata nel sistema federale. 

Nel Cantone di Soletta solo il 4% dei Comuni deve partecipare (5 su 121), mentre nel cantone di Zurigo quasi la metà, vale a dire il 40%.

Fine della finestrella

Poiché la Confederazione e i Cantoni ampliano costantemente il loro portafoglio di competenze, l'unica possibilità che rimane ai Comuni è di eseguire le loro direttive. Un esempio lampante sono le spese vincolanti nel settore della previdenza sociale, che vengono attribuite ai Comuni. Tali obblighi sono l'opposto dell'autonomia comunale come viene definita nella Costituzione federale. 

La proposta di un referendum dei Cantoni non sembra però avere molte speranze di successo. La commissione competente del Consiglio nazionale l’ha già respinta ed ora la palla si trova nel campo della commissione del Consiglio degli Stati. La Camera dei Cantoni è generalmente più sensibile ad un equilibrio degli interessi, ma anche qui le prospettive di successo appaiono alquanto esigue. 

I Comuni devono quindi prepararsi a una lotta lunga e dura. Come fecero i padri del referendum e dell'iniziativa popolare, prima della loro introduzione. Dopo la creazione della Svizzera moderna nel 1848, ci vollero 26 e rispettivamente 43 anni finché che il referendum e l'iniziativa popolare venissero introdotti.


Traduzione di Armando Mombelli

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.