La più antica forma di democrazia diretta al passo col Web

Le bandiere di Glarona (a sinistra) e Appenzello Interno: sono i soli due cantoni della Svizzera dove c'è ancora la Landsgemeinde. Nell'immagine, sventolano alle finestre di una casa che si affaccia sulla piazza ad Appenzello, nel giorno della Landsgemeinde del 2016. © Keystone / Gian Ehrenzeller


Il primo atto delle elezioni federali svizzere del 2019 sarà per alzata di mano, live streaming. Per la prima volta, la Landsgemeinde di Appenzello Interno – l'assemblea dei cittadini del cantone riuniti sulla piazza per votare – domenica sarà infatti trasmessa in diretta su Internet. Tra le decisioni, ci sarà anche l'elezione del nuovo rappresentante del cantone alla Camera alta del parlamento elvetico.

Questo contenuto è stato pubblicato il 25 aprile 2019 - 17:00
(swissinfo.ch/sf con agenzia Keystone-ats)

La novità tecnologica non scalfirà certamente il solenne protocollo della Landsgemeinde appenzellese, al quale il piccolo cantone della Svizzera orientale è saldamente attaccato. La Commissione di Stato – così si chiama il governo cantonale di Appenzello Interno – ha deciso di compiere questo passo, incoraggiato dall'esempio di Glarona, l'unico altro cantone della Svizzera in cui esiste ancora la Landsgemeinde.

L'esecutivo appenzellese resta però estremamente prudente: il livestream del 28 aprile sarà "un esperimento pilota", ha puntualizzato in un comunicato. L'idea del governo è di consentire ai cittadini che sono nell'impossibilità di partecipare all'assemblea di seguire comunque i lavori in diretta attraverso il sito del cantone. Appenzello Interno non è invece presente sulle reti sociali.

Il governo ha anche deciso di proseguire un altro esperimento pilota, introdotto lo scorso anno: la traduzione simultanea nel linguaggio dei segni, per persone sorde o maludenti. In proposito, l'esecutivo appenzellese ha manifestato in modo sibillino il proprio disappunto per il riscontro avuto l'anno scorso. "La Commissione di Stato spera che l'offerta sia utilizzata più dell'ultima volta", si legge nella nota governativa.

Il primo volto nuovo del parlamento federale

Per quanto riguarda le deliberazioni della Landsgemeinde appenzellese 2019, l'ordine del giorno è carico. Oltre a votare su diversi oggetti, l'assemblea dei cittadini sarà chiamata ad eleggere due membri del governo cantonale e il nuovo consigliere agli Stati, ossia il rappresentante di Appenzello Interno alla Camera dei Cantoni.

Il cantone, che costituisce il più piccolo corpo elettorale (poco meno di 12mila persone) del Paese, ha infatti mantenuto anche quest'ultima elezione nelle mani della Landsgemeinde, che si svolge una sola volta all'anno, l'ultima domenica di aprile. Il "senatore" di Appenzello Interno è dunque designato prima di quelli degli altri cantoni, che organizzano ormai tutti l'elezione dei consiglieri agli Stati contemporaneamente a quella dei consiglieri nazionali, ossia i deputati della Camera del popolo. Le elezioni federali, che sono quadriennali, si terranno il prossimo 20 ottobre.

Competizione a sorpresa

Il consigliere agli Stati uscente Ivo Bischofberger non si ripresenta per un quarto mandato alla Camera dei Cantoni. Candidati alla successione al senatore popolare democratico sono due membri del suo partito: il landamano reggente (presidente del governo) Daniel Fässler e l'ex membro del governo Thomas Rechsteiner.

Daniel Fässler, che siede alla Camera del popolo dal 2012, si è candidato lo scorso gennaio e sembrava che non avesse concorrenti. Ma a sorpresa, tre settimane fa, un gruppo denominatosi "Cittadini lungimiranti (Bürger mit Weitsicht)" ha lanciato la candidatura di Thomas Rechsteiner, tramite un annuncio pubblicitario. L'interessato, oggi assicuratore, sostiene di non sapere chi si nasconda dietro la candidatura. Precisa però che accetterà l'eventuale elezione.

Una peculiarità di Appenzello Interno è che i candidati alle diverse cariche non devono essere nominati con ampio anticipo ma possono essere presentati direttamente alla Landsgemeinde.

​​​​​​​

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo