Navigation

Deputati federali con limite mandati più passivi

L'imminenza del limite ai mandati influenza il comportamento politico dei deputati federali. Nell'immagine, la sala del Consiglio nazionale. parlament.ch sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 16 dicembre 2020 - 12:33
(Keystone-ATS)

Al termine delle legislature, i membri del Consiglio nazionale e del Consiglio degli Stati con un numero di mandati limitato seguono meno la linea del loro partito e riducono anche le loro attività. Lo dimostra uno studio a cui ha partecipato l'università di Basilea.

Per i sostenitori di limiti temporali, le rotazioni sono necessarie affinché persone nuove e dinamiche possano portare una boccata d'aria fresca ai parlamenti. Ciò, a loro avviso, contribuirebbe a prevenire l'emergere di manovre politiche, scrive l'alta scuola renana in un comunicato diramato oggi.

Dal canto loro, gli oppositori a queste limitazioni sottolineano l'importanza della continuità nell'azione politica nonché l'esperienza e le competenze dei parlamentari di lunga data.

Il contesto in Svizzera

A seconda dei Cantoni, la legge prevede limitazioni della durata della funzione di parlamentare, che si esprimono o in termini di legislature (per lo più da tre a cinque) o in termini di anni di mandato (per lo più dodici o 16). Anche le sezioni cantonali dei partiti - con più o meno rigore - possono limitare i tempi della funzione legislativa.

Metodologia della ricerca

I politologi hanno studiato il comportamento dei consiglieri nazionali e dei consiglieri agli Stati su un periodo di 16 anni, indipendentemente dal fatto che fossero o no soggetti a una limitazione del mandato. Per valutare la loro attività hanno considerato i loro discorsi, interventi e votazioni. Hanno inoltre fatto la medesima ricerca per i granconsiglieri dei due Cantoni di Basilea.

Deputati federali infedeli a partito e passivi...

A livello federale, i ricercatori hanno rilevato che i deputati con un mandato limitato cambiano il loro comportamento verso la fine della loro attività. Quando votano, tendono a distanziarsi dalla posizione del loro partito. Riducono anche la loro attività: partecipano meno alle votazioni, si astengono di più e inoltrano meno atti parlamentari. La limitazione del mandato ha invece poca influenza sul comportamento dei granconsiglieri delle due Basilea.

Secondo Elena Frech, coautrice dello studio, queste differenze tra Confederazione e Cantoni potrebbero essere spiegate dal fatto che i parlamentari cantonali possono o vogliono proseguire la loro carriera ed essere eletti ad esempio al Consiglio nazionale o al Consiglio degli Stati dopo il loro ultimo mandato in Gran Consiglio. Si discosterebbero quindi meno dalla posizione del loro partito.

... perché a fine carriera

Al contrario, l'ultimo mandato dei membri delle Camere federali segna generalmente la fine del loro percorso politico, il che potrebbe rafforzare ulteriormente l'effetto della limitazione dei mandati. "Nel complesso abbiamo dimostrato che i limiti temporali al mandato di parlamentare possono avere ripercussioni negative", riassume Frech, citata nel comunicato.

Lo studio è stato realizzato nell'ambito del progetto del Fondo nazionale svizzero per la ricerca scientifica (FNS) "Parliamentary Careers in Comparison" (Carriere parlamentari a confronto), al quale ha partecipato la professoressa Stefanie Bailer dell'ateneo renano. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista specializzata Legislative Studies Quarterly.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.