Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Diritti degli omosessuali Il governo vuole il matrimonio per tutti, ma senza Pma

Le organizzazioni che difendono i diritti delle lesbiche e dei gay si rammaricano del fatto che il progetto di matrimonio per tutti non preveda pari diritti parentali.

(© Keystone / Gaetan Bally)

Mercoledì il governo svizzero si è espresso a favore del matrimonio per tutti. Esclude però l'accesso alla procreazione medicalmente assistita per le coppie di donne e il riconoscimento di entrambi i genitori dello stesso sesso alla nascita. Le associazioni di difesa dei diritti degli omosessuali denunciano una proposta “a buon mercato”.

"Il matrimonio che il Consiglio federale vuole aprire alle coppie omosessuali è incompleto, poiché garantisce loro solo la metà dei diritti", deplora Muriel Waeger, direttrice della sezione francofona dell'associazione mantello delle organizzazioni gay e lesbiche. I rappresentanti delle organizzazioni per i diritti degli LGBTIQ (lesbiche, gay, bisessuali, transessuali, intersessuali e queer) ritengono che la posizione del governo a favore del matrimonio per tutti sia un segnale positivo, che non si spinge però abbastanza lontano.

Nessun accesso alla procreazione medicalmente assistita

Mercoledì il governo ha espresso il suo sostegno alla proposta presentata dalla commissione competente della Camera del popolo. Questo modello prevede l'apertura del matrimonio a coppie dello stesso sesso, mai i diritti parentali verrebbero rinviati e concessi - o meno - in fasi successive. Inoltre, non regola la questione dell'accesso ad una rendita per superstiti.

In concreto, lesbiche e gay otterrebbero il diritto di sposarsi e di adottare congiuntamente bambini non appartenenti alla famiglia. Dal 2018 sono già autorizzati ad adottare il figlio del loro partner. Tuttavia, le coppie di donne non avrebbero ancora accesso alla procreazione medicalmente assistita (Pma) e la doppia paternità alla nascita di un bambino continuerebbe a non essere riconosciuta. La situazione in Svizzera sarebbe quindi la stessa che in Germania, Francia o Irlanda.

dossier

Essere LGBTIQ in Svizzera

Storie di vita, diritti e rivendicazioni delle persone lesbiche, gay, bisessuali, transgender, intersessuali e queer in Svizzera.

L'accesso alla Pma solleva importanti questioni legali e sociali che devono essere studiate più da vicino, sostiene il governo. Un gruppo interdisciplinare dovrebbe formulare raccomandazioni entro l'estate del 2021. Il Consiglio federale ritiene inoltre che sia necessario procedere per tappe e "disciplinare inizialmente solo gli elementi indispensabili per aprire il matrimonio a tutte le coppie". A suo parere, questa strategia dovrebbe garantire che l'intero progetto non venga messo a repentaglio o ritardato.

Il benessere del bambino

La politica governativa dei piccoli passi non soddisfa le organizzazioni LGBTIQ. "Temiamo di dover aspettare altri dieci o venti anni per raggiungere una vera uguaglianza dei diritti dei genitori", dice Muriel Waeger.

Ai suoi occhi, è in gioco il benessere dei bambini che vivono in famiglie arcobaleno. Attualmente, quando un bambino nasce in una famiglia dello stesso sesso, solo il genitore biologico è riconosciuto come madre o padre. "Il partner dello stesso sesso deve passare attraverso un processo di adozione che richiede dai due ai tre anni. Durante questo periodo, il bambino non è adeguatamente protetto", dice Waeger.

+ Per saperne di più, leggi la storia di Véronique e Julie

"Politica dei piccoli passi, piuttosto che nessuna politica", dice il deputato del Partito verde liberale François Pointet, intervistato dalla radiotelevisione svizzera RTS. Si rammarica che il governo non si esprima a favore della Pma per tutti: "Quando si elimina la discriminazione, bisogna andare fino in fondo. In questo senso, il Consiglio federale non è abbastanza coraggioso". Ciononostante, il consigliere nazionale ritiene che sia gratificante vedere che il dossier sta andando avanti. "Viviamo in un mondo moderno", ha commentato.

Rapida implementazione

Il governo ritiene inoltre che il matrimonio per tutti debba essere messo in atto rapidamente. Ciò significa che le coppie che hanno già contratto un'unione domestica registrata dovrebbero poterla convertire in matrimonio senza ritardi o formalità eccessive.

Il Parlamento discuterà il progetto di legge durante la sessione primaverile del prossimo marzo.

E all'estero?



Traduzione di Armando Mombelli

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Contenuto esterno

Vivere e lavorare in montagna grazie a Internet

Vivere e lavorare in montagna grazie a Internet

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.