Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Doris Leuthard firma un accordo in Oman

La ministra dell'economia Doris Leuthard e il suo omologo omanita Ahmed bin Abdulnabi Macki

(swissinfo.ch)

La ministra svizzera dell'economia, nel corso della prima giornata del viaggio nel Golfo Persico, ha siglato un accordo con l'Oman concernente la doppia imposizione del reddito proveniente dal traffico aereo internazionale.

Doris Leuthard è il primo rappresentate del Governo elvetico a recarsi nel sultanato nel quadro di una visita ufficiale.

Nel corso del primo giorno del viaggio nel Golfo Persico, volto a rafforzare le relazioni economiche, la ministra svizzera Doris Leuthard ha incontrato varie autorità del Sultanato dell'Oman. In particolare, è stato sottoscritto un accordo bilaterale tra i due Paesi per evitare la doppia imposizione del reddito proveniente dal traffico aereo internazionale.

L'intesa interessa anche la compagnia aerea di bandiera Swiss. Attualmente, è possibile raggiungere la capitale dell'Oman, Mascate, con il vettore elvetico partendo da Zurigo via Dubai, in collaborazione con Oman Air. L'accordo stabilisce che gli utili di quest'ultima sulla vendita di biglietti in Svizzera non saranno più imponibili.

L'intesa entrerà in vigore non appena concluse le procedure di ratifica interne ai due Stati. È inoltre prevista un'applicazione retroattiva al 1993, anno in cui sono incominciati i primi collegamenti aerei tra Mascate e Zurigo.

Potenziale di sviluppo

La ministra dell'economia – primo membro del Governo elvetico a visitare il Sultanato – ha affermato che le relazioni tra Svizzera e Oman sono effettivamente limitate, ma in grado di svilupparsi ulteriormente. Nel 2006 il Sultanato si situava al quartultimo posto, tra i Paesi del Medio Oriente e del Nord Africa, per quanto concerne il volume di scambi con la Confederazione.

Doris Leuthard ha incontrato il suo omologo Ahmed bin Abdulnabi Macki e il ministro del commercio e dell'industria Makbul bin Ali nonché il vice primo ministro Fahad bin Mahmud Al Said. La consigliera federale ha sottolineato l'importanza di un accordo di libero scambio tra i paesi dell'AELS e il Consiglio di cooperazione del golfo per gli Stati Arabi, di cui fanno appunto parte l'Oman, l'Arabia Saudita e gli Emirati arabi uniti.

I ministri omaniti hanno a loro volta evidenziato l'importanza di tale accordo; il Sultanato intende però prima firmare un'intesa simile con l'Unione europea, e in seguito intavolare discussioni con l'AELS.

Crescita importante

L'Oman costituisce un mercato interessante per la Svizzera: nella prima metà del 2007, l'economia del paese arabo è infatti cresciuta dell'8,3%. Questa prestazione è da attribuire unicamente ai settori non petroliferi: il settore dei servizi è cresciuto del 17%, quello dell'industria del 18%.

A causa del prospettato declino della riserve di petrolio, il Sultanato intende ridurre la propria dipendenza dall'«oro nero», rafforzando invece le infrastrutture quali porti, strade, telecomunicazioni e puntando maggiormente su settori quali il turismo, l'industria dell'alluminio e petrolchimica. L'Oman è dunque alla ricerca di personale qualificato.

Vantaggi reciproci

Secondo la ministra Doris Leuthard, «la Svizzera può fornire competenze ed effettuare investimenti in settori quali l'energia solare, la logistica e le comunicazioni e del turismo». Ahmed bin Abdulnabi Macki, ministro dell'economia omanita, ha dal canto suo aggiunto che «in ambito turistico, il nostro Paese può inoltre approfittare della grande esperienza elvetica a livello di scuole alberghiere».

In conclusione, Doris Leuthard ha sottolineato che l'Oman è un Paese caratterizzato da un assetto politico stabile e da un sistema giuridico efficiente.

swissinfo e agenzie

Relazioni commerciali

Le esportazioni elvetiche verso il Sultanato hanno raggiunto nel 2006 un valore di 111,2 milioni di franchi. Le importazioni sono ammontate a soli 20,4 milioni.

Nel 2006 il Sultanato si situava al quartultimo posto, tra i Paesi del Medio Oriente e del Nord Africa, per quanto concerne il volume di scambi con la Confederazione.

Nella prima metà del 2007, l'economia dell'Oman ha registrato una crescita dell'8,3%.

Fine della finestrella


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×