Drastica ristrutturazione dei servizi di terra di Swissair

swissinfo.ch

Il gruppo Swissair ha avviato una drastica ristrutturazione dei suoi servizi di terra all'aeroporto di Zurigo-Kloten. Tutti i dipendenti della filiale Swissport, che lavorano al terminal A, saranno reintegrati nel gruppo e dipenderanno ora direttamente dalla società madre. Swissair verserà inoltre un contributo di 450 milioni di franchi all'agenzia di viaggi LTU, in serie difficoltà finanziarie.

Questo contenuto è stato pubblicato il 26 agosto 2001 - 16:19

Queste misure, annunciate domenica dal settimanale svizzero tedesco SonntagsZeitung, sono state confermate da Jean-Claude Donzel, portavoce di SwissairGroup. La riorganizzazione delle attività di terra di Swissport riguarderà la totalità del personale dei servizi di assistenza ai passeggeri del terminal A dello scalo zurighese (registrazione dei viaggiatori e dei bagagli, formalità di transito, servizi nelle sale di attesa, ecc.), in tutto 450 dipendenti.

Misura forse estesa agli altri scali

L'obiettivo di questa ristrutturazione non è di risparmiare ma di migliorare la qualità delle prestazioni, ha sottolineato il portavoce di SwissairGroup, aggiungendo che la misura potrebbe essere estesa successivamente agli aeroporti di Ginevra e di Basilea ed anche all'estero.

Swissair fornirà maggiori dettagli nella conferenza stampa di bilancio, prevista giovedì a Zurigo, durante la quale pubblicherà i risultati del primo semestre. Le previsioni a questo riguardo sono poco confortanti.

Ancora deficit milionario

Secondo alcuni analisti le cifre saranno disastrose: Jérôme Schupp, economista della banca Syz & Co., ritiene verosimile un nuovo deficit di 200 milioni di franchi, già anticipato dalla stampa. L'indebitamento complessivo del gruppo aveva già raggiunto alla fine dell'anno scorso ben 7,8 miliardi di franchi.

La compagnia ha peraltro confermato di aver versato di recente una somma di 450 milioni di franchi, sotto forma di prestito, all'agenzia di viaggi LTU, di cui Swissair detiene il 49,9 per cento delle azioni. LTU è da tempo in serie difficoltàfinanziarie. Swissair non ha voluto precisare se nuove 'iniezioni' saranno necessarie in futuro.

swissinfo e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo