Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Telefonia mobile: accordo sui costi di terminazione

Swisscom, Orange e Sunrise hanno raggiunto un accordo sulle tariffe per il transito di chiamate di telefonia mobile provenienti da altri operatori. I cosiddetti costi di terminazione delle tre aziende scenderanno di circa la metà.

Il livello delle tariffe sarà diminuito in due tappe entro gennaio, hanno indicato giovedì i tre gruppi. Da Swisscom il prezzo passerà da 14 a 8 centesimi il primo ottobre, poi a 7 in gennaio. Per Sunrise e Orange la tassa diminuirà da 17 a 10 centesimi il primo ottobre e a 8,75 centesimi in gennaio.

All'inizio del 2011 i prezzi saranno quindi simili a quelli praticati in Europa, afferma in una nota Swisscom. In seguito alla diminuzione delle tasse di terminazione mobile, il principale gruppo di telecomunicazione svizzero abbasserà anche le tariffe per i clienti privati e commerciali.

A beneficiare maggiormente dell'iniziativa, spiega Sunrise, saranno le società di telecomunicazione estere, che grazie all'accordo godranno di costi nettamente ridotti per la terminazione delle chiamate in Svizzera.

Orange - che non dispone di una propria rete mobile e che il mese scorso aveva minacciato di denunciare Swisscom poiché quest'ultima si rifiutava di abbassare adeguatamente le tariffe di terminazione - auspica dal canto suo che la riduzione abbia effetti anche sui prezzi degli operatori di rete fissa per la comunicazione verso i cellulari.

La Federazione svizzera dei consumatori (SKS) e il sito di confronto di prezzi Comparis.ch chiedono che la riduzione vada a vantaggio della clientela finale. "In passato gli operatori hanno motivato le loro elevate tariffe con le alte tasse di terminazione. Se queste ultime scendono le società devono abbassare anche i costi per i clienti finali", afferma in una nota Ralf Beyeler di Comparis.

swissinfo e agenzie


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×

In evidenza