Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

UBS accusa: USA ignorano sovranità svizzera

Gli avvocati della banca elvetica ritengono che le autorità fiscali americane non prendano assolutamente in considerazione il diritto e la sovranità della Svizzera.

In una presa di posizione sulla denuncia sporta giovedì dal fisco statunitense a un tribunale federale di Miami, in Florida, gli avvocati dell'UBS spiegano che quanto chiesto dalle autorità americane costringerebbe degli impiegati della banca in Svizzera a "violare il diritto penale elvetico".

Una simile violazione, si legge nella lettera i cui contenuti sono stati resi noti domenica dall'Agence France Presse, esporrebbe i dipendenti a "pene di prigione considerevoli".

"Il fisco ignora semplicemente l'esistenza del diritto e della sovranità svizzeri".

Inoltre, ha precisato lunedì Serge Steiner, portavoce dell'UBS, l'autorità fiscale americana contravviene al trattato Qualified Intermediary (IQ, accordo tra banche estere e autorità americane per l'imposizione fiscale sugli investimenti), che ha lei stessa ratificato.

L'UBS è da qualche giorno nell'occhio del ciclone, dopo l'accordo raggiunto con il ministero della giustizia statunitense per fornire i dati dei proprietari di circa 300 conti non dichiarati. Giovedì il fisco americano ha sporto denuncia per chiedere informazioni anche su altri 52'000 conti aperti da cittadini statunitensi.


Link

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

×