Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Elogi alla Svizzera del segretario generale della Nato

George Robertson ha rivelato di essere alla testa della Nato in parte grazie anche al ministro svizzero della difesa Adolf Ogi.

(Keystone / AP Photo / Hidajet Delic)

Il segretario generale della Nato George Robertson intende ringraziare la Svizzera per il suo contributo nei Balcani ed incoraggiarla a continuare ad impegnarsi negli affari internazionali. Lo dirà giovedì nella sua visita a Berna.

George Robertson è assolutamente convinto che la neutralità abbia un futuro e che i Paesi neutrali abbiano un ruolo da svolgere nella nuova politica di sicurezza. La Svizzera potrà continuare a preservare la sua identità individuale e rifiutare di partecipare ad alleanze militari, ha sottolineato martedì in un incontro a Bruxelles con i giornalisti svizzeri.

Lo scozzese 54.enne ha rivelato di essere alla testa dell'Alleanza atlantica in parte grazie ad Adolf Ogi. Fu infatti il consigliere federale il primo a dirgli, in occasione della sua visita come ministro britannico della difesa nel giugno 1999, che sarebbe stato un buon segretario generale. «E vedete dove sono ora!».

Anche la Svizzera deve molto a Ogi, che ha contribuito alla partecipazione elvetica alla Partnership per la pace (PPP) e al Consiglio di partenariato euro-atlantico (CPEA) della Nato, ha aggiunto Robertson.

La Svizzera è il 40.esimo Paese in cui si reca Robertson da quando è segretario generale della Nato. In programma ha una visita di cortesia al presidente della Confederazione e al capo della diplomazia elvetica Joseph Deiss. Parteciperà pure ad un simposio sulla politica di sicurezza e incontrerà i presidenti di varie commissioni parlamentari.

swissinfo e agenzie

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.