Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Enrico Letta a Lugano "La risposta alla crisi non è il protezionismo"

I difficili rapporti del cantone Ticino con l'Italia, i problemi legati alle migrazioni, le sfide economiche dell'Europa. Di questo ha parlato l'ex presidente del consiglio italiano Enrico Letta con la Radiotelevisione svizzera RSI.

(1)

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Ospite di un seminario organizzato dall'Università della Svizzera italiana (USI) a Lugano, Enrico Letta, interpellato dalla RSI, ha parlato di apertura, non solo economica. Secondo lui, la risposta alla crisi non dev’essere il protezionismo. I paesi europei sarebbero i primi ad esserne danneggiati, perché sono loro a trarre il maggiore vantaggio dalle esportazioni.

“Bisogna puntare a obiettivi che siano di crescita complessiva e la crescita complessiva non si ottiene facendo preferenze che chiudono le porte”, ha detto l’ex premier italiano, riferendosi alla principio di preferenza indigena nelle assunzioni voluto dal popolo ticinese con la votazione sull’iniziativa “Prima i nostri”.

Parlando poi della crisi migratoria, Letta si è rammaricato delle passate scelte politiche europee: "Questi ultimi due anni hanno insegnato che dimenticarsi del Mediterraneo come hanno fatto troppi leader europei ci si ritorce contro. Per 15 anni si è guardato a nord e a est e non ci si è resi conto che il prezzo lo stiamo pagando noi. La crisi migratoria è un problema per tutti i paesi europei”.

tvsvizzera.it/Zz con RSI (Quotidiano del 26.01.2017)

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×

In evidenza