Esperienze di confinamento di svizzeri in India

La polizia indiana punisce spesso brutalmente le persone che violano il confinamento. Keystone / Abhisek Saha / Le Pictorium

Dal 25 marzo, 1,3 miliardi di persone in India subiscono il più grande confinamento del mondo per contrastare la diffusione del coronavirus. Anche diverse centinaia di cittadini elvetici sono rimasti bloccati, prima che la maggior parte di loro fosse rimpatriata nella Confederazione. Alcuni svizzeri hanno invece scelto di restare nel Paese asiatico. Testimonianze.

Daniel Eskenazi, Mumbai

In India, i turisti svizzeri la scorsa settimana hanno approfittato dell'ultimo volo di rimpatrio per Zurigo. Organizzato dalla Confederazione, è partito il 25 aprile da Calcutta e ha fatto scalo a Cochin, nel sud dell'India.

Secondo l'ambasciata svizzera a Delhi, in totale, 534 persone hanno potuto raggiungere Zurigo dall'India grazie a tre voli di rimpatrio: 234 cittadini svizzeri, 120 titolari di un permesso di soggiorno nella Confederazione, 180 cittadini o titolari di permessi di Stati membri dell'Unione europea (UE) o di Paesi terzi. Inoltre, 95 cittadini svizzeri e titolari di permessi hanno raggiunto la Svizzera su voli organizzati da Stati dell'UE.

Una di costoro è Barbara Droux, un'insegnante di yoga di Ginevra di 51 anni, tornata alla fine di aprile con un volo della KLM via Amsterdam. Era giunta il 3 marzo a Delhi, da dove si era recata a Rishikesh, una città situata a circa 200 km a nord-est della capitale. Il corso di yoga a cui si era iscritta è stato interrotto all'inizio del confinamento decretato dal governo indiano, poi definitivamente annullato il giorno successivo.

"Sono stata fortunata perché quel giorno ho cambiato pensione. Gli spostamenti attraverso un ponte tra le due sponde del Gange sono in seguito stati vietati", ci racconta telefonicamente, mentre si trova sul taxi per Delhi. A due passi dal suo alloggio, ha potuto comprare con discrezione i pasti da asporto ogni giorno in un ristorante. All'inizio del confinamento, tra le 7:00 e le 10:00 e poi fino alle 13:00. "Bisognava fare attenzione che la polizia non ci vedesse, perché quel ristorante non era autorizzato. Ci si poteva muovere, ma esclusivamente per fare la spesa. Non ci è mai mancato il cibo", precisa.

Nei meandri della burocrazia indiana

All'inizio di aprile, Barbara Droux ha ricevuto due proposte di rimpatrio dall'ambasciata svizzera a Delhi. Ma le ha rifiutate entrambe. Aveva già il suo volo programmato per il 13 aprile con la Turkish Airlines. È però stato rinviato al 19 aprile e poi definitivamente cancellato. L'ambasciata svizzera le ha quindi proposto due voli con la KLM, il 26 o 28 aprile. Ha scelto la prima opzione. "È il terzo biglietto che ho comprato", dice.

Per due mesi, Barbara Droux, insegnante di yoga a Ginevra, è rimasta bloccata in India a causa delle restrizioni legate alla pandemia di Covid-19. DR

I grattacapi per la ginevrina non sono finiti lì. Ha dovuto superare i meandri della burocrazia indiana. Documento essenziale: un lasciapassare per lei e il suo tassista. Inviato dall'ambasciata svizzera, il documento ha dovuto essere completato dalla polizia locale. Lo ha quindi dovuto rinviare alla rappresentanza svizzera, per farlo convalidare dalle autorità indiane.

"All'interno di un gruppo Whatsapp di turisti bloccati, non ho trovato nessuno con cui condividere i costi di trasporto. Non sono riuscita a completare il documento prima della scadenza di quattro giorni. Il sabato l'ambasciata mi ha avvertita che sarebbe stato troppo tardi e già immaginavo di perdere di nuovo il mio volo".

Ma il direttore della sua pensione le ha dato una mano e l'ha portata alla stazione di polizia. Si è quindi occupato di ottenere tutti i documenti necessari. "Senza di lui, sarei ancora a Rishikesh", sottolinea. In fin dei conti, crede di essere stata più fortunata di alcuni turisti nel sud dell'India, vittime del razzismo. Rishikesh era come un bozzolo per lei.

Nascondere i sintomi

Una donna di Losanna sulla trentina che preferisce rimanere anonima, per motivi personali, ha invece deciso di rimanere in India. Ha lasciato la Svizzera lo scorso agosto a causa di problemi di salute. È venuta in India sperando di guarire con lo yoga. Dopo tre mesi di studi a Rishikesh, ha continuato la formazione a Goa, dove è rimasta per tre mesi.

Una settimana prima dell'annuncio del confinamento, il 15 marzo, ha preso l'aereo per continuare gli studi a Rishikesh. "È stato un periodo molto difficile per me. Cinque giorni prima del mio viaggio, avevo dolori ai polmoni e mal di gola. A Goa c'erano un bel po' di persone e temevo di aver beccato il coronavirus", testimonia telefonicamente.

Questi problemi di salute sono durati 24 giorni. Per guarire, è ricorsa a medicine alternative. Ha seguito la distanza consigliata e le misure igieniche. "Ero in allerta, allorché nessun caso di coronavirus era stato segnalato a Rishikesh. Di fatto, non potevo parlare a nessuno dei miei sintomi. Bisognava che evitassi di essere posta in quarantena, perché in India non sarebbe stato piacevole", osserva.

Risentimento antioccidentale

Quando passa accanto a qualche gruppetto di indiani, a volte sente uno di loro pronunciare "corona". Quindi indossano la maschera. "In questo piccolo villaggio di contadini vicino a Rishikesh, la maggioranza non sa granché sul virus. La loro reazione nei confronti degli estranei è paura legata all'ignoranza", sostiene.

Una volta guarita, la vodese si è occupata dei senzatetto. Insieme ad altri turisti, ha organizzato raccolte di fondi su Facebook per distribuire cibo. Dice di aver attraversato alti e bassi durante il periodo iniziale del confinamento. Un giorno piena di speranze, il giorno successivo invasa dal pessimismo.

"Temevamo un collasso dell'economia, temevamo che il razzismo verso gli stranieri sarebbe diventato insopportabile. Qui ci sono molte persone provenienti da tutto il mondo che vengono durante l'alta stagione. Ero convinta che i casi di coronavirus sarebbero esplosi. Non è stato il caso, ma per la prima volta, questa settimana delle persone sono risultate positive al test. I nostri spostamenti sono più limitati", si rammarica.

Lasciare o restare? È una domanda che si è posta decine di volte, così come gli altri svizzeri di Rishikesh riuniti in un gruppo Whatsapp. "Tutto può cambiare dall'oggi al domani, ma qui sono felice, nonostante la mancanza di comodità rispetto alla Svizzera", afferma.

Azienda paralizzata e grandi incertezze

Da parte sua, lo svizzero Christophe Perrin, di formazione orticoltore, vive a Mumbai con la moglie indiana da nove anni. La coppia ha dovuto affrontare una vera tempesta. Alla guida di Gaia Gourmet, la loro società di servizi di catering ha cessato l'attività d'improvviso.

"La nostra attività funzionava molto bene fino alla crisi. Siamo conosciuti a Mumbai. Offrivamo i nostri servizi a società famose, consolati e attori di Bollywood. Ma poiché tutti gli eventi sono stati cancellati, abbiamo dovuto chiudere la nostra azienda il 18 marzo, pochi giorni prima che il governo annunciasse il confinamento. Abbiamo chiesto ai nostri dipendenti di prendere vacanza e versiamo loro il salario", ci spiega il quarantenne vodese, raggiunto telefonicamente.

La coppia elvetico-indiana offre servizi di catering a Mumbai. Cyrus Dalal

Sta riflettendo con sua moglie sul futuro della loro impresa. Crede che dovrà adattarsi, perché ci vorrà del tempo prima che le persone si riuniscano di nuovo per fare feste. "Probabilmente dovremo iniziare a consegnare pasti a casa. Così, potremo ridare lavoro al nostro team, che in tempi normali conta una quindicina di dipendenti fissi. Ma siamo in dubbio. Speriamo che funzioni. In ogni caso, penso che le feste in casa non ricominceranno prima del Diwali [festival indù che si svolge in novembre]", afferma lo svizzero.

A parte le preoccupazioni aziendali, vive serenamente il confinamento con la moglie e con la figlia di due anni. Esce solo per comprare cibo, al piano terra del suo edificio, dove un camion fornisce riso e verdure. Può anche contare sulle riserve che ha potuto portare a casa. "Resteremo chiusi fino alla fine di maggio. Non voglio correre rischi con i miei dipendenti. Prima di riavviare le nostre attività, saranno sottoposti tutti al test" del coronavirus, sottolinea.

​​​​​​​

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo