Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Estradato il presunto brigatista rosso

Sospetti e giudizi: Bortone dovrà rispondere di fronte ad un tribunale italiano dei suoi legami con le "Nuove Brigate Rosse"

(swissinfo.ch)

Il Tribunale federale ha respinto il ricorso contro l'estradizione di Nicola Bortone - arrestato in marzo a Zurigo dopo 10 anni di latitanza.

È sospettato di complicità nell'omicidio del consulente del Governo italiano Massimo D'Antona.

Il Tribunale federale elvetico ha autorizzato l'estradizione del presunto brigatista italiano Nicola Bortone, arrestato a Zurigo lo scorso 10 marzo. Bortone è stato consegnato venerdì alle autorità italiane alla frontiera di Chiasso. Sarà portato in un carcere del centro Italia.

Il Tribunale federale era stato chiamato a prendere la decisione - quale sola e unica istanza giurisdizionale - perché Bortone risultava essere ricercato per motivi politici.

Sospetti e condanne

Il presunto brigatista, nato a Cesa, in provincia di Caserta, 46 anni fa, era ricercato dalla polizia italiana per una condanna a 3 anni e 6 mesi di reclusione per associazione sovversiva e banda armata emessa nel 2001.

Il suo nome era balzato alla cronaca però con l'arresto avvenuto a Parigi nel 1992, quando fu arrestato insieme alla futura moglie - Simonetta Giorgieri, sposata poi in carcere - in compagnia di Marcello Tammaro Dell'Omo e Carla Vendetti.

Condannato a tre anni in Francia per possesso di armi e documenti falsi, fu scarcerato nel '95. Risulta però che, una volta separato dalla moglie, si sia trasferito in Svizzera fin dal '96.

I legali svizzeri fanno notare che l'estradizione è stata chiesta e concessa per un reato la cui condanna, di fatto, era stata già scontata in Francia.

Nuova esistenza in Svizzera

Bortone, in realtà, si era costruito una nuova vita e una famiglia insieme a una cittadina svizzera, morta il primo agosto scorso, dopo quattro anni di lotta contro il cancro.

Dall'unione sono nati due bambini, una femminuccia di 5 anni e mezzo, e un maschietto di quattro. Entrambi, che hanno potuto vedere oggi il padre per l'ultima volta, sono ora in custodia a un gruppo di amici svizzeri.

Nuove accuse

In Italia non sembra esserci molta chiarezza sul ruolo da attribuire a Bortone. Alcune fonti giornalistiche lo descrivono come «fondatore delle 'Nuove Brigate Rosse'», mentre altri - partendo dalla descrizione del tipo di vita che conduceva in Svizzera - mettono in dubbio una sua partecipazione a qualsiasi organizzazione terroristica.

Gli stessi carabinieri del Reparto operativo lo descrivono come un «emissario dei Carc», un piccolo gruppo di estrema sinistra che opera però alla luce del sole e su cui le indagini sono state infine archiviate.

La sua estradizione è stata accolta senza troppi clamori dai magistrati che indagano sui recenti attentati avvenuti in Italia. Tantopiù che al momento, non risulta alcuna indagine nei suoi confronti per questi reati. E c'è da notare che gli stessi mezzi di comunicazione, non stanno dando grande risalto al prossimo rientro in Italia di Bortone.

Paolo Bertossa, Roma

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.