Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Euro 08: non vi sono timori per la sicurezza

I responsabili delle forze dell'ordine ritengono che quanto successo sabato scorso a Berna non si ripeterà in occasione dell'Euro 08

(Keystone)

Nonostante i tumulti di sabato scorso a Berna, i responsabili della sicurezza di Euro 2008 assicurano che durante i campionati europei non vi saranno episodi simili.

Nel quadro di una conferenza organizzata congiuntamente dai Paesi ospitanti Austria e Svizzera, il comandante della polizia bernese ha comunque affermato che quanto successo sarà oggetto di approfondite analisi.

I responsabili della sicurezza delle città che ospiteranno le partite del campionato europeo non sono preoccupati per i disordini scoppiati sabato scorso a Berna. In un incontro tenutosi venerdì a Zurigo, i vertici delle forze dell'ordine delle otto città svizzere e austriache hanno affermato di essere pronti a fronteggiare i pericoli che potranno presentarsi.

I responsabili della sicurezza di Euro 08 non hanno nemmeno ritenuto necessario discutere a fondo dei disordini avvenuti nella capitale. Un «evento spontaneo come quello di Berna non può essere paragonato agli europei di calcio», ha dichiarato Burghard Vouk, un rappresentante austriaco.

La conferenza di coordinamento ha inoltre permesso di fare il punto sui preparativi in corso nelle varie città. Sia in Svizzera che in Austria, gli spettatori troveranno le stesse condizioni di sicurezza, ha assicurato Jäggi, responsabile dell'organizzazione di Euro 08 in Svizzera.

Approfondita analisi

Il comandante della polizia cantonale bernese Stefan Blätter ha dal canto suo assicurato che il corpo di polizia della capitale esaminerà a fondo quanto accaduto. «Se ci saranno delle conseguenze da trarre, lo faremo», ha aggiunto.

Blätter ritiene comunque che la situazione in occasione degli europei di calcio sarà differente. Dall'inizio dell'anno, la polizia comunale di Berna sarà infatti integrata nella polizia cantonale. Gli agenti avranno inoltre a disposizione più mezzi e nuovi strumenti legali, come la nuova banca dati sui tifosi violenti.

«Sfida inabituale»

Secondo Monica Bonfanti, comandante della polizia ginevrina, la manifestazione sportiva rappresenterà una sfida inabituale per le forze dell'ordine. Oltre a rimanere vigili per tre settimane, gli agenti dovranno assicurare anche tutti i loro normali compiti. Le città ospitanti, del resto, potranno beneficiare soltanto di un aiuto ridotto da parte di altri corpi di polizia.

La sicurezza dovrà inoltre essere assicurata non soltanto all'interno e nelle vicinanze degli stadi, ma pure nelle aree con i maxischermi per il «public viewing» che saranno relizzare in varie città, ha sottolineato Gerhard Lips, della polizia cittadina di Zurigo.

Niente alcol negli stadi

Ogni città organizzerà questi particolari spazi a propria discrezione. A Basilea, per esempio, l'entrata sarà gratuita, ma gli spettatori saranno controllati. A Vienna l'unica area per il «public viewing» potrà accogliere fino a 90'000 persone e la sola bevanda alcolica in vendita sarà birra a bassa gradazione.

In Svizzera, la vendita di alcol sarà proibita all'interno e nelle vicinanze degli stadi, mente gli organizzatori delle proiezioni pubbliche avranno libertà di scelta, ha ricordato Martin Jäggi.

Verso la fase finale

I preparativi entreranno nella fase finale dopo il 2 dicembre, quando si saprà quali squadre giocheranno in quali località. A seconda del numero di incontri considerati a rischio, i responsabili elvetici potranno decidere, se ritenuto opportuno, di chiedere l'aiuto delle forze dell'ordine tedesche o francesi.

Anche gli eserciti saranno a disposizione – sia in Svizzera che in Austria – segnatamente per gli interventi di appoggio logistico, di protezione degli immobili e di sostegno a livello sanitario.

swissinfo e agenzie

EURO 2008

Il campionato europeo di calcio 2008 si terrà in Svizzera e in Austria dal 7 al 29 giugno. Verranno disputati 31 incontri: 15 in Svizzera (sei a Basilea, tra cui la partita d'apertura, tre a Zurigo e altrettanti a Berna e a Ginevra) e 16 in Austria (finale a Vienna). I biglietti emessi saranno 1'050'000.

Non meno di 2'500 giornalisti commenteranno le partite, che saranno seguite in televisione da circa 8 miliardi di spettatori in 170 paesi.

Il contributo della Confederazione è di 82,5 milioni di franchi: 35,7 per la sicurezza, 10,8 per gli stadi, 7 per la direzione del progetto, 4 per i trasporti pubblici e 5 per la promozione.

Fine della finestrella

LE MASSE DI TIFOSI

A Basilea sono attesi 250'000 tifosi allo stadio del San Giacomo. 750'000 appassionati seguiranno le partite sugli schermi giganti.

Berna: circa 100'000 tifosi per le tre partite. Le zone speciali per i fan dovrebbero accogliere inoltre decine di migliaia di persone.

Zurigo dovrebbe ospitare fino a 1,4 milioni di tifosi allo stadio e alle zone per i fan.

Ginevra attende quasi 100'000 persone allo stadio per le tre partite. Le zone riservate ai tifosi, dotate di grandi schermi, permetteranno di accogliere da 30'000 a 60'000 persone.

Fine della finestrella


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×