Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

fact checking L'inasprimento della legge sulle armi comporta una maggiore sicurezza?

A specialist from Fedpol presents various weapons during a workshop.

In Svizzera è già in vigore una legislazione severa sulle armi, che limita il tipo di armi che i civili possono acquistare.

(© Keystone / Adrien Perritaz)

Il governo svizzero ha un messaggio chiaro per l'elettorato: approvare la nuova riforma della legge sulle armi da fuoco comporterà una migliore protezione dei cittadini dall'abuso di armi pericolose. Il 19 maggio il popolo deciderà se adeguarsi alle modifiche delle norme sulle armi da fuoco adottate dall'Unione europea in seguito ad attacchi terroristici in alcuni stati membri.

La proposta di legge vieterebbe le armi semiautomatiche ad alta capacità (con alcune eccezioni), migliorerebbe la tracciabilità delle armi e consentirebbe un migliore scambio di informazioni tra gli stati aderenti all'accordo di Schengen, oltre a introdurre altre misure per combattere il commercio illegale di armi da fuoco (la Svizzera, pur non essendo membro dell'UE, fa parte dell'accordo di Schengen che disciplina la libera circolazione delle persone in gran parte dell'Europa). 

Fact checking di swissinfo.ch Il nostro metodo di lavoro

Scoprite come i giornalisti di swissinfo.ch selezionano le affermazioni, procedono alla verifica dei fatti, presentano un verdetto e correggono ...

Il governo afferma che queste modifiche colmano le lacune del diritto vigenteLink esterno e che la loro adozione serve alla protezione dei cittadini.

Chi si oppone alle modifiche alla legge sulle armi da fuoco ha respinto l'argomento della sicurezza del governo e insiste sul fatto che un inasprimento della legislazione esistente sarebbe inutile nella lotta al terrorismo e alla criminalitàLink esterno.

Gli oppositori potrebbero non avere del tutto torto. Anche se le ricerche suggeriscono che la legislazione sul controllo delle armi è generalmente associata a tassi più bassi di reati connessi alle armi da fuoco, l'impatto di un ulteriore inasprimento della legge è meno chiaro quando sono già in vigore controlli rigorosi - come nel caso della Svizzera.

Esiste una correlazione

Con quasi 28 armi da fuoco ogni 100 abitanti, la Svizzera è uno dei paesi occidentali con il più alto tasso di possesso di armi da fuocoLink esterno. Anche il tasso di mortalità dovuto alle armiLink esterno è relativamente alto (2,84 morti per 100'000 persone). Tuttavia, gli omicidi rappresentano solo una piccola parte di queste morti (0,17 su 100'000) e le sparatorie di massa sono rare, con solo due morti negli ultimi 20 anni.

armi da fuoco

Gli Stati Uniti invece, il paese con il più alto tasso di possesso di armi al mondo, registrano 4,5 omicidi ogni 100.000 persone, oltre a numerose sparatorie di massa ogni anno.

Data l'alta incidenza di reati legati alle armi negli Stati Uniti, i ricercatori hanno cercato di determinare se la legislazione sulle armi, che è notoriamente debole a livello federale, potrebbe ridurre la violenza armata.

Uno studio pubblicato nel 2018 sui singoli stati americani, che regolano l'acquisto e la vendita di armi da fuoco, ha scoperto che leggi più severe sulle armi da fuoco sono associate a tassi più bassi di omicidio per armi da fuoco. Ma poiché pochi stati hanno effettivamente forti controlli sulle armi da fuoco, gli autori dello studio non hanno potuto stabilire una relazione di causa ed effetto.  

Tasso di omicidi con arma da fuoco

Un'analisi del 2011Link esterno di Richard Florida, un economista, è giunta a una conclusione simile. Anche se ha riconosciuto le piccole dimensioni del campione, ha notato che le correlazioni sembravano sostanziali, con "un numero significativamente inferiore di morti per arma da fuoco", negli stati che avevano introdotto il divieto di usare armi d'assalto e i requisiti per il deposito sicuro e il blocco del grilletto.

Anche un'indagine sistematicaLink esterno molto più ampia, che ha esaminato 130 studi svolti in dieci paesi, ha concluso che le leggi che limitano le armi da fuoco sono in alcuni casi associati alla riduzione del numero di morti per armi da fuoco.

Questa correlazione potrebbe valere anche per la Svizzera. Qui, a differenza degli Stati Uniti, esiste già una legislazione federale severa che disciplina le armi da fuoco. Il paese vieta le armi completamente automatiche, così come le armi semiautomatiche che una volta erano completamente automatiche, e stabilisce i requisiti per ottenere un'arma da fuoco e per portarla con sé in luoghi pubblici.

I proprietari di armi devono conservare le munizioni e le armi separatamente e in modo sicuro. I 26 cantoni svizzeri tengono registri delle armi. Al momento dell'introduzione della legge sulle armi nel 1999, nel paese si contavano quasi 400 morti per armi da fuoco (di cui 46 omicidi); nel 2016 il numero di morti era sceso a 229 (di cui 17 omicidi).

Nel resto del mondo

La correlazione tra una legislazione severa sulle armi da fuoco e un tasso più basso di omicidi con armi da fuoco si può vedere anche altrove. In Giappone, ad esempio, le armi da fuoco sono vietate e i cittadini devono superare rigorosi controlli di sicurezza e un test nel poligono di tiro per possedere un fucile da caccia o un fucile.

Gli esperti che hanno parlato con la BBCLink esterno ritengono che sebbene ci possano essere anche altri fattori, come quelli culturali - l'ideale giapponese del pacifismo post-bellico rende le armi tabù - le leggi rigorose sulle armi abbiano avuto un ruolo importante nei bassi tassi di possesso e di sparatorie del paese. Gli effetti dei severi controlli sulle armi possono essere visti anche in IslandaLink esterno, dove il possesso pro capite di armi è elevato, ma dal 2007 non si sono più verificati omicidi con armi da fuoco. 

Il caso dell'Australia potrebbe essere ancora più rilevante per la Svizzera. Le ricerche sulle conseguenze di una nuova legge sulle armiLink esterno che ha vietato le armi semiautomatiche a seguito di un massacro nel 1996 mostrano che da allora gli omicidi sono diminuiti significativamente. Ma questa tendenza al ribasso era già iniziata negli anni '80, quindi la legislazione del 1996 non ha avuto un impatto aggiuntivo statisticamente osservabile sulle morti per armi da fuoco. Una possibile spiegazioneLink esterno, secondo Michael Siegel, professore di scienze della salute comunitaria alla Boston University, è che la maggior parte degli stati australiani aveva già adottato controlli relativamente rigorosi sulle armi da fuoco, che comprendevano un sistema di permessi e controlli di sicurezza sui richiedenti di porto d'armi. 

Quindi, sebbene gli studi indichino una correlazione tra controlli rigorosi delle armi da fuoco e bassi tassi di omicidi, ulteriori modifiche a una normativa in vigore già severa potrebbero avere un effetto poco significativo sulla sicurezza delle persone. 

Il divieto delle armi semiautomatiche, come previsto dalla proposta del governo svizzero, "non dovrebbe avere un impatto rilevante sugli omicidi o suicidi con armi da fuoco, perché queste armi non sono responsabili della maggior parte delle morti per armi da fuoco e perché qualsiasi arma da fuoco [.....] è potenzialmente letale", sostiene Siegel.

Controllare la persona, non l'arma

La riforma in discussione richiede anche un maggiore scambio di informazioni con i paesi dell'Unione europea, ad esempio su persone a cui è stato rifiutato il permesso di acquistare un'arma. Questo tipo di cooperazione può rivelarsi essenziale se è vero, come sostiene Siegel, che il controllo di chi ha accesso alle armi ha probabilmente un impatto maggiore sul numero di morti per arma da fuoco rispetto al divieto di certi tipi di armi. 

Da uno studioLink esterno emerge per esempio che la legge dello stato americano del Connecticut, che impone agli acquirenti di armi un controllo di sicurezza, ha permesso di ridurre del 40% gli omicidi con arma da fuoco. 

Ma non tutti gli studi che indagano su questa questione sono altrettanto univociLink esterno. Gli esperti affermano che sono necessarie ulteriori ricerche sull'efficacia delle restrizioni su chi può possedere un'arma.

Il governo svizzero ha tuttavia anche altri motivi per sostenere che la cooperazione con l'UE è importante. A suo avviso la permanenza nel sistema di Schengen e quindi l'accesso a informazioni rilevanti per la sicurezza del paese dipendono dall'approvazione della riforma.  Alcuni sostenitori della nuova legge si spingono fino ad affermare che non stare al passo con gli altri paesi di Schengen rischierebbeLink esterno di trasformare la Svizzera in un paradiso per i criminali.

Verdetto: non provato

Non è chiaro se l'inasprimento della legge svizzera sulle armi proposto dal governo porterà a una maggiore sicurezza pubblica. Gli studi dimostrano che esiste una correlazione tra la legislazione sul controllo delle armi e i bassi tassi di mortalità dovuta alle armi, compreso l'omicidio. 

Ma un ulteriore inasprimento dei controlli già esistenti, come il divieto di alcuni tipi di armi semiautomatiche, potrebbe non avere un impatto molto evidente sul livello di violenza armata. Controllare chi ha accesso ad armi pericolose potrebbe anche ridurre l'incidenza degli omicidi da arma da fuoco, ma sull'argomento sono necessarie ulteriori ricerche.


Traduzione dall'inglese: Andrea Tognina

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Come votano gli Svizzeri all'estero? Partecipa al sondaggio SSR !

Come votano gli Svizzeri all'estero? Partecipa al sondaggio SSR !

Come votano gli Svizzeri all'estero? Partecipa al sondaggio SSR !

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.