Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Fase difficile per Kudelski

Rafforzamento del franco e debolezza del mercato europeo stanno mettendo in difficoltà il gruppo Kudelski

(swissinfo.ch)

La società vodese specializzata nelle nuove tecnologie di comunicazione ha perso 17,9 milioni di franchi nel primo semestre.

Le difficoltà sarebbero legate alla debolezza del mercato, soprattutto in Europa.

Anche la stella svizzera delle nuove tecnologie non brilla più intensamente. Dopo aver conosciuto una crescita spettacolare negli ultimi anni, caratterizzata da un altrettanto spettacolare progressione del titolo in borsa, il gruppo Kudelski è entrato in una fase alquanto delicata.

Il fatturato dovrebbe raggiungere i 400 milioni di franchi a fine anno, invece dei 700 previsti ancora pochi mesi fa. Dopo aver respinto a lungo i pronostici negativi formulati da alcuni analisti, lo stesso patron dell'azienda vodese, André Kudelski, è stato costretto ad ammettere recentemente le difficoltà attuali sul mercato europeo.

Il gruppo di Cheseaux-sur-Lausanne ha subìto una perdita netta di 17,9 milioni di franchi nel primo semestre 2002, a fronte di utili per 21,8 milioni nella prima metà del 2001. Il fatturato è aumentato del 4,5 per cento a 165,7 milioni di franchi.

Kudelski, specializzato nei decodificatori per TV a pagamento, ha accusato sul piano operativo una perdita prima di interessi e imposte (Ebit) di 14,2 milioni di franchi. Nel corrispondente periodo del 2001 aveva invece generato un risultato positivo per 19,6 milioni: il tonfo è stato quindi consistente.

Risultati peggiori delle previsioni

André Kudelski, «patron» del gruppo tecnologico, ha spiegato che le cifre rosse sono da ricondurre a una crescita dei costi operativi, a fattori di ordine finanziario e al volume definito deludente delle vendite in Europa.

Il primo semestre è stato contraddistinto da una forte diminuzione dei ricavi nel settore della televisione digitale, in particolare in Gran Bretagna e in Spagna. L'evoluzione sfavorevole era stata prevista, ma si è rivelata più negativa dei pronostici.

Ha inciso negativamente sull'andamento degli affari anche il rafforzamento del franco svizzero rispetto a dollaro ed euro. Il gruppo vodese ha fissato nuovi criteri per una gestione più oculata della clientela, in modo da ridurre il volume dei crediti in sofferenza, e ha anche proceduto all'integrazione delle società rilevate.

Problemi in borsa

Per l'insieme dell'esercizio 2002, il gruppo tecnologico prevede vendite comprese fra i 400 e i 450 milioni di franchi e un utile al lordo di fattori eccezionali fra i 5 e i 25 milioni. La performance dello scorso anno (72,1 milioni) non potrà essere ripetuta a causa della brusca contrazione dei nuovi ordinativi.

I mercati finanziari hanno reagito negativamente e il titolo Kudelski accusava in mattinata una perdita di oltre il 2 per cento. Nelle ultime settimane, le azioni della società hanno perso oltre il 30 % del loro valore.

La borsa svizzera continua intanto ad indagare sulle transazioni avvenute sul titolo Kudelski a fine agosto poco prima della pubblicazione di un «profit warning», in base al quale la società vodese avrebbe addirittura potuto chiudere il 2002 nelle cifre rosse. Il sospetto è che qualcuno possa aver approfittato di informazioni «insider».

swissinfo e agenzie

Fatti e cifre

Fatturato previsto nel 2002: 400 milioni di franchi invece dei 700 pronosticati all'inizio dell'anno.
Il titolo Kudelski ha perso il 60% del suo valore in un anno.

Fine della finestrella


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.