Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Felice come... uno svizzero

Per gli svizzeri, la felicità posa essenzialmente su valori conservatori

(swissinfo.ch)

Secondo un sondaggio dell'istituto Gfs, gli svizzeri sono felici. Salute, sicurezza finanziaria, famiglia e formazione gli elementi di soddisfazione.

Gli svizzeri non sono apprezzano la loro esposizione nazionale, ma pure il loro paese: stando a un sondaggio presentato martedì sull'arteplage di Bienne, tre persone su quattro ritengono che sia una fortuna vivere in Svizzera. I ticinesi, però, sembrano meno soddisfatti dei compatrioti tedeschi e romandi.

Privilegiati

Uomini e donne, ricchi e poveri, giovani e meno giovani, tutti sono d'accordo che è un privilegio vivere in Svizzera. La fascia d'età intorno ai 76 anni è la più entusiasta con l'84%, ma anche i giovani non sono da meno con il 71% tra i 16enni e il 72% tra i 26enni. I trentenni sono i più cauti con il 64%.

Intitolato «Sulla strada della felicità in Svizzera», questo sondaggio dell'istituto demoscopico GfS è stato realizzato in aprile su un campione di 853 persone. Martedì è stato presentato in occasione di una conferenza stampa-dibattito nel padiglione «Happy End» della Zurigo Assicurazioni, che ha commissionato lo studio.

"Una catastrofe"

Salute (97 %), fiducia reciproca (89 %) e sicurezza economica (85 %) costituiscono le basi della felicità elvetica. Aspetto connesso: gli svizzeri sopra i 40 anni non apprezzano le novità e solo un terzo degli interrogati amano le sorprese. A 16 anni, gli svizzeri che desiderano un cambiamento sono ben il 51%, a 26 anni sono il 43% e a 36 anni il 40%. A 46 anni sono solo il 31%, a 56 il 33%. Per Martin Heller, direttore artistico di Expo.02, «è una catastrofe poiché quella dei quarantenni è la generazione che decide attualmente».

Più in generale, nonostante qualche riserva, Heller si è detto «molto sorpreso» delle cifre del sondaggio, che sembrano testimoniare «poca ambizione». Per il direttore artistico, i visitatori dell'esposizione nazionale si mostrano spesso felici «del semplice fatto che Expo.02 esista». Può darsi - ha aggiunto - che sia la stessa cosa con il paese.

Polentagraben

Se la maggioranza degli svizzeri sembrano aver trovato la felicità, i ticinesi lo sembrano molto meno: solo il 25% si dice «molto soddisfatto» della sua vita attuale, rispetto al 34% dei romandi e al 42% degli svizzerotedeschi. Anche lo sguardo al futuro è meno ottimista: il 43% si dice «fiducioso», rispetto al 53% dei romandi e al 71% degli svizzerotedeschi.

D'altronde il sondaggio non ha rilevato alcun fossato tra le generazioni quanto ai valori che permettono di raggiungere la felicità. La vita di coppia, la famiglia, i figli, la salute e la sicurezza economica sono fondamentali sia agli occhi dei giovani sia ai più anziani. Solo l'età ideale per avere figli è salita.

La felicità resta una cosa difficilmente quantificabile, hanno sottolineato diversi partecipanti al dibattito. E, come ha rilevato uno di essi, è possibile che questo sondaggio abbia solamente misurato «l'illusione di felicità» degli svizzeri.

swissinfo e agenzie

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.