Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Festa di Unspunnen rinviata al 2006

La festa di Unspunnen (qui l'edizione del 1993) doveva celebrare quest'anno il bicentenario

(Keystone)

La tradizionale festa di Unspunnen a Interlaken è stata rinviata a causa delle inondazioni. Programma invece invariato per il Congresso degli Svizzeri all'estero.

L'Organizzazione degli Svizzeri all'estero ha voluto mantenere il proprio incontro annuale in quanto «gesto di solidarietà verso la regione».

«Una festa nazionale di questa portata non è appropriata in questo momento», hanno affermato giovedì gli organizzatori della tradizionale festa di Unspunnen, indicando che l'evento sarà rinviato di un anno.

Numerose persone che dovevano accorrere a Interlaken (canton Berna) non potranno infatti partecipare alla manifestazione. I circa 1'400 volontari previsti per dar man forte agli organizzatori provengono inoltre dall'Oberland bernese, una delle regioni maggiormente colpite dalle inondazioni.

Un gesto di solidarietà

I capricci del tempo non hanno però fermato i responsabili dell'Organizzazione degli Svizzeri all'estero (OSE), i quali manterranno secondo programma il loro annuale congresso a Interlaken, dal 1 al 4 settembre.

«La decisione è stata presa in accordo con le autorità e le istituzioni turistiche, le quali non volevano un rinvio del congresso. In qualche sorta, si tratta di un gesto di solidarietà verso la regione», ha dichiarato a swissinfo il direttore dell'OSE Rudolf Wyder.

L'infrastruttura che deve ospitare il congresso, ha precisato, è intatta. Nessun grosso problema neppure dal punto di vista dell'accessibilità al paese e della sicurezza per chi viaggia.

«Peccato che la festa di Unspunnen non possa aver luogo, ma ci sono catastrofi naturali contro le quali l'uomo non ha nessun potere», ha osservato Wyder.

Un rinvio da 500'000 franchi

Gli appassionati della gara di lancio della pietra di Unspunnen (83,5 chili) dovranno dunque attendere fino al 3 settembre 2006.

Il comitato organizzativo stima che il rinvio gli costerà mezzo milione di franchi. I biglietti d'entrata venduti per l'evento di quest'anno - che doveva attirare 100'000 persone - saranno validi anche per il 2006, oppure potranno essere restituiti.

Nessun legame con il furto

Il portavoce della festa Peter Wenger ha voluto precisare che «la decisione di rinviare la manifestazione non è da mettere in relazione al furto della pietra di Unspunnen», il fine-settimana scorso, in un hotel di Interlaken.

Si sospetta che, come già successo in passato, il masso sia stato sottratto dai separatisti giurassiani (gruppo Bélier). L'atto non è però finora stato rivendicato.

La pietra, che simbolizza i costumi del paese e la coesione interna della Confederazione, doveva essere esposta durante il corteo della manifestazione. La sua sparizione non mette comunque in dubbio lo svolgimento del concorso di lancio: dopo il primo furto nel 1984, esiste infatti una copia, conservata sotto chiave.

swissinfo e agenzie

In breve

La festa di Unspunnen ricorda le celebrazioni di riconciliazione e d'amicizia che avvenivano sul prato del castello di Unspunnen agli albori del 13esimo secolo.

In passato, lo scopo di questi ritrovi era di ridurre le tensioni ed i contrasti, soprattutto quelli tra città e campagna e tra governo e popolazione.

L'evento, che si svolge ogni 12-13 anni, rappresenta un'occasione per assistere a competizioni tradizionali, tra cui il lancio della pietra (83,5 chili) e la lotta, e per ascoltare i suonatori dei corni delle alpi, lo yodel e diversi gruppi folcloristici.

Fine della finestrella

Fatti e cifre

La festa di Unspunnen avrebbe dovuto celebrare il suo bicentenario quest'anno.
Sarà invece rinviata al weekend del 3 settembre 2006.
I biglietti venduti saranno validi anche per l'anno prossimo.

Fine della finestrella


Link

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

×