Filiali Swissair sull'orlo della crisi

La Nuova Crossair dice di aver bisogno dei "servizi accessori" di Swissair, ma questi ultimi rischiano il collasso Keystone

Parecchie filiali del gruppo Swissair sono con l'acqua alla gola. I bisogni di liquidità ammontano a centinaia di milioni di franchi.

Questo contenuto è stato pubblicato il 29 ottobre 2001 - 20:22

SR Technics, Atraxis e Swissport, filiali di Swissair attive nei settori «accessori» del trasporto aereo, hanno grossi problemi di liquidità. Le sole SR Technics (manutenzione di velivoli) e Atraxis (informatica) hanno bisogno di un'iniezione di 300 milioni di franchi. Lunedì si è riunita la «task force» della Confederazione per esaminare possibili soluzioni.

Attualmente solo 70 dei 250 milioni promessi dalle banche sono affluiti alle filiali dell'ex compagnia di bandiera, ha detto Dominik Müller, portavoce dell'UBS. I problemi finanziari delle tre società nascono dal fatto che Swissair non ha saldato le fatture inviatele.

SR Technics necessita di 30 milioni di franchi entro il 9 novembre e di altri 90 milioni per dicembre e gennaio. A tale somma si aggiungono 120 milioni per i due mesi successivi, ha indicato il portavoce.

Qualora non si trovassero rapidamente i fondi necessari, SR Technics potrebbe finire in moratoria concordataria, come già diverse altre società del gruppo Swissair. La filiale spera tuttora in un sostegno da parte delle grandi banche e del Cantone di Zurigo.

Per la cessione di SR Technics a terzi nella migliore delle ipotesi occorre prevedere con un periodo negoziale di tre mesi, ha osservato Müller. SR Technics pianifica la cancellazione di 800 dei 2'800 impieghi entro fine marzo.

Atraxis ha bisogno di 50 milioni entro fine novembre. Diverse questioni sono ancora aperte, ha indicato una portavoce, e finora non è stato possibile ottenere dettagli sulla prevista collaborazione di Atraxis con la Lufthansa. L'accordo è ancora oggetto di trattative.

I problemi di liquidità di Atraxis potrebbero bloccare a terra altre compagnie aeree, come Emirates, del Dubai, e la South African Airways. Le due compagnie aeree sono clienti importanti della filiale di Swissair, che gestisce sistemi di prenotazione per 60 aviolinee in 40 aeroporti in tutto il mondo.

Anche Swissport è toccata dal dissesto della compagnia di bandiera. La Swissair deve alla società attiva nello smistamento e nella registrazione di bagagli svariati milioni di franchi, ha indicato Stephan Beerli, responsabile della divisione marketing e vendite.

I negoziati circa la vendita di Swissport alla società britannica d'investimento Candover «sono nel round finale», ha fatto sapere Beerli, e dovrebbero terminare a metà novembre. I negoziati si sono prolungati a causa in particolare degli attentati negli USA dell'11 settembre: «si sono resi necessari nuovi calcoli», ha osservato Beerli.

swissinfo e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo