Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Franco forte La Brexit costa miliardi alla Banca nazionale svizzera

Per frenare il repentino rafforzamento del franco in seguito al risultato del votazione in Gran Bretagna, la banca centrale elvetica è dovuta intervenire in modo massiccio sul mercato dei cambi, stando a quanto si desume dalle statistiche pubblicate lunedì.

Nell’ultima settimana, gli averi in conto giro delle banche sono cresciuti di 6,8 miliardi di franchi a 430,3 miliardi, mentre gli averi a vista (ovvero incluse Confederazione e istituzioni estere) sono aumentati di 6,3 miliardi a 507,5 miliardi.

Il dato è collegato all'acquisto di valuta estera poiché, per indebolire il franco rispetto alla moneta unica europea, la BNS acquista euro e accredita alle banche il rispettivo importo in franchi.

Subito dopo il "sì" all'uscita del Regno Unito dall'Unione europea (Ue) il franco aveva iniziato a guadagnare notevolmente di valore. La BNS non è però rimasta a lungo a guardare ed è intervenuta per calmare la situazione.

Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

swissinfo.ch e tvsvizzera.it (TG 4.7.2016)

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×