Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Freno svizzero all'immigrazione La "terapia sbagliata" per un problema complesso

Secondo il professor Georg Kohler, la democrazia diretta permette al popolo anche di correggere i propri errori

(pixsil)

Il sì all'iniziativa "contro l'immigrazione di massa" corrisponde all'immagine di un popolo sovrano e valoroso, profondamente radicata nella coscienza collettiva, dice il filosofo Georg Kohler. Ora la Svizzera si trova di fronte alla scelta di accettare le conseguenze economiche di un isolamento o il fatto che questa immagine non corrisponda più alla realtà.

Come nel caso del no popolare allo Spazio economico europeo (SEE) nel 1992, la Svizzera francese il 9 febbraio 2014 ha respinto l'iniziativa  in modo netto e compatto e si ritrova nuovamente costretta ad accettare la decisione opposta della Svizzera tedesca (e italiana) che ha fatto pendere l'ago della bilancia del paese.

All'indomani della sua vittoria, Christoph Blocher, lo stratega del partito della destra conservatrice Unione democratica di centro (UDC), ha lanciato una provocazione alla minoranza francofona del paese insinuando che i romandi avrebbero una "coscienza svizzera più debole".

Le reazioni non si sono fatte attendere e sono state veementi: è un "affronto", una "dichiarazione disgustosa", sono insorti dei politici svizzeri francesi, puntualizzando che i cantoni romandi – esattamente come il cantone di Blocher, Zurigo, che ha pure votato no –grazie alla loro forza economica aiutano i cantoni più deboli attraverso la compensazione finanziaria interna. Anche questa è una "forma di patriottismo", hanno sottolineato.

Partiti sostengono il governo

I partiti di governo collaborano con l'esecutivo federale per l'attuazione dell'iniziativa contro l'immigrazione di massa, approvata in votazione popolare il 9 febbraio. Il Consiglio federale si sente sostenuto nel suo approccio, ha dichiarato ai media il presidente della Confederazione e ministro degli esteri Didier Burkhalter, dopo l'incontro tra l'esecutivo e i rappresentanti dei partiti, tenutosi il 14 febbraio a casa von Wattenwyl a Berna.

I partiti non hanno presentato proposte concrete di attuazione, ha detto il presidente del Partito socialista svizzero, Christian Levrat. Esse sarebbero state premature. Le discussione è stata di ordine generale.

Il governo federale intende presentare un piano di attuazione entro la metà dell'anno e un disegno di legge entro la fine dell'anno.

Parallelamente al lavoro in Svizzera , il governo deve spiegare la decisione del popolo svizzero ai paesi dell'UE ed esplorare le possibilità di una revisione dell'accordo sulla libera circolazione delle persone. La prossima settimana Burkhalter sarà in visita a Berlino .

Nei colloqui di von Wattenwyl si è discusso anche della coesione della Svizzera. In particolare, dei rapporti tra Svizzera tedesca e francese, sui quali varie dichiarazioni pubbliche provocatorie hanno gettato benzina sul fuoco.

Quando una votazione di tale rilevanza ha un risultato con una differenza di voti così scarsi, è particolarmente importante che i responsabili dei partiti rafforzino coesione, ha avvertito il presidente della Confederazione. "Questo oggi è stato fatto. E da tutti".

Fine della finestrella

swissinfo.ch: La Svizzera plurilingue e multiculturale si sta ormai disgregando?

Georg Kohler: Abbiamo due metà, una oppositrice e una sostenitrice. Direi che questa divisione non corre solo lungo i confini linguistici. Anche le grandi città e dei cantoni molto popolati della Svizzera tedesca l'hanno respinta. Tranne che nelle aree rurali, c'è una forte spaccatura. Mi permetto di contestare che questo significhi che andiamo in frantumi. Però ciò indica che c'è un dissidio che diventa evidente, in diverse gradazioni, attraverso tutto il paese.

Si tratta di sapere cosa s'intende per sovranità nazionale o per indipendenza svizzera, per poter rispondere fino a che punto pensiamo di poter prendere in conto o meno delle dipendenze del nostro paese. Questo è il dissidio.

swissinfo.ch: Christoph Blocher rimprovera ai romandi di lottare troppo poco per l'indipendenza della Svizzera. Qual è il significato di sovranità nazionale?

G. K.: È comprensibile che la Romandia sia indignata di fronte a tale insinuazione. Ginevra non ha mai voluto appartenere alla Savoia e ancor meno alla Francia, ma quale orgoglioso esempio di sovranità è venuta a far parte della Svizzera. Ciò che prima teneva insieme la Svizzera, cioè il fatto di non voler appartenere ad aree più grandi, vale a dire ai paesi confinanti, lo si ritrova in tutto il paese.

La sovranità nazionale? Qui bisogna distinguere: c'è un mito o forse persino un fantasma di piccoli gruppi coraggiosi che non si lasciano abbattere, non attaccano nessuno e non sono limitati nella loro autodeterminazione, che è il mito della Svizzera centrale o del paese di Asterix e Obelix.

Ma il mito stride con le opportunità sociali, culturali ed economiche odierne. La Svizzera vive da tanto tempo nell'illusione della più grande autodeterminazione possibile. La sovranità una vola era strettamente legata al diritto di autodifesa e di dichiarazione di guerra. Quel tempo è passato. Gli Stati europei hanno potuto mantenere il loro diritto alla sovranità unendo le forze nella NATO. Con la sua neutralità armata, la Svizzera ne è rimasta fuori, ma in realtà non è stata altro che una profittatrice della NATO .

L'idea dell'autodeterminazione, guidata dal fantasma del villaggio gallico, non corrisponde più alla realtà odierna, ma è ancora molto fortemente ancorata nella coscienza collettiva della Svizzera. Blocher e l'UDC vi si ricollegano, ma poiché la resistenza dell'UE ora diventa evidente, ci troviamo di fronte alla grande decisione: vogliamo continuare a difendere questa sovranità di Asterix e Obelix, oppure vogliamo dichiararci d'accordo con il fatto che questa idea di una sovranità illimitata oggi non è semplicemente più possibile?

swissinfo.ch: Con il suo sì al freno all'immigrazione, la Svizzera si è pronunciata contro l'UE?

G. K.: È esattamente questo il punto. Si tratta dell'alternativa tra rimanere completamente indipendenti, e con questo anche isolati dall'UE con tutti i costi conseguenti, vale a dire gli svantaggi sociali ed economici, oppure continuare sulla via bilaterale, il che significa anche una maggiore integrazione e una certa limitazione della democrazia diretta.

swissinfo.ch: Era quindi una decisione della 'Svizzera di Heidi' contro una Svizzera globalizzata aperta?

G. K.: Sarebbe sbagliato dire che solo i gonzi hanno votato sì. Vi è anche una preoccupazione rispettabile per la mobilità continua , per il consumo permanente di risorse, vale a dire tutto ciò che è legato alla progressione della modernità.

Ma alla fine dei conti, anche la soluzione di questi problemi può essere trovata solo insieme ai vicini europei. I problemi esistono, ma penso che l'idea di risolverli con uno statuto di stagionale e una limitazione del ricongiungimento familiare sia un'illusione, una terapia sbagliata.

swissinfo.ch: Il risultato del voto è stato estremamente stretto, la tematica è estremamente complessa e le conseguenze precise non sono ancora chiare. La democrazia diretta ha mostrato i suoi limiti?

G. K.: Non direi questo. La democrazia diretta ha il vantaggio di rendere evidenti problemi che concernono la popolazione. Ma funziona solo se viene rielaborato ciò che si è rotto. Inoltre ho fiducia nel sistema.

Certo, la democrazia diretta è esposta al populismo e alla seduzione. Ci è voluto anche molto tempo prima che fosse introdotto il suffragio femminile. Il sì all'iniziativa contro l'immigrazione di massa è stata una decisione sbagliata, ma la si può correggere, perché l'attuazione richiede decisioni che devono ancora essere sottoposte al popolo.

Se le conseguenze e la portata dell'iniziativa vengono alla luce prima, posso immaginare che l'accettazione delle richieste dell'iniziativa si restringa nuovamente al nocciolo duro dei fondamentalisti del mito elvetico. E costoro in tutta Svizzera raggiungono al massimo il 30%.


(Traduzione dal tedesco: Sonia Fenazzi), swissinfo.ch

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.