Funivie Titlis: perdita netta di 3 milioni nel 1° semestre

La funivia del Titlis KEYSTONE/ALEXANDRA WEY sda-ats

La società che gestisce gli impianti del Titlis, con sede a Engelberg (OW), ha chiuso il primo semestre dell'esercizio 2019/2020 (a fine aprile) con una perdita netta di 3,0 milioni di franchi, contro un utile di 2,4 milioni fatto registrare un anno prima.

Da novembre a metà marzo, la frequentazione è leggermente aumentata (+1%) malgrado la contrazione dei mercati internazionali osservata a partire da gennaio. In seguito al lockdown, si è però constatato un calo del 27,7% su tutto il semestre.

I ricavi operativi sono scesi del 23% a 27,6 milioni. Grazie a misure immediate, la società è riuscita a ridurre le spese del 18,8% a 21,0 milioni. L'Ebitda si è nondimeno ridotto del 34% a 6,6 milioni.

Anche la stagione estiva si annuncia difficile: l'atteso aumento dei visitatori indigeni non potrà infatti compensare l'assenza dei turisti internazionali. Par questo motivo si prevede un calo marcato degli introiti e del risultato rispetto all'esercizio precedente.

Condividi questo articolo