Il Belgio ha convocato l'ambasciatore d'Israele, Simona Frankel, dopo l'intervista shock rilasciata stamattina in cui la diplomatica ha affermato che le 59 vittime degli scontri a Gaza erano tutti terroristi.

"Si possono sentire molte cose, ma ci sono dei limiti", ha detto il ministro degli Esteri belga Didier Reynders.

L'ambasciatore, intervistata dalla radio pubblica La Première, aveva detto: "mi dispiace molto per ogni essere umano deceduto anche se sono dei terroristi (...) che vengono vicino alla barriera di confine per cercare di passare sul territorio israeliano".

"Ascoltare che tutte le persone che sono state uccise erano dei terroristi, questo supera la ragione", ha affermato il ministro degli Esteri, denunciando l'uso sproporzionato della forza fatto da Israele.

"L'idea della proporzionalità è chiara, non c'è stato alcun ferito da parte di Israele", ha concluso Reynders.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.