Navigation

Una difensora dei diritti umani degli eritrei

Veronica Almedom, arrivata in Svizzera dall'Eritrea con la sua famiglia quando era un bébé, è oggi un'attivista per i diritti umani degli eritrei.

Questo contenuto è stato pubblicato il 06 settembre 2019 - 17:00

"C'è molto lavoro di comunicazione e informazione da fare a livello politico", dice Almedom.

Cresciuta a Martigny, nella Svizzera francese, oggi studia all'università di Ginevra. Dal 2016 fa parte della Commissione federale della migrazioneLink esterno.

In vista delle elezioni federaliLink esterno di ottobre, l'ente radiotelevisivo SRG SSR presenta la serie di video #GenerazioneGlobale per illustrare le idee di dieci persone che vogliono cambiare il mondo.

End of insertion

Dal 2017 la Svizzera ha ripetutamente inasprito i criteri di ammissione per i richiedenti asilo eritrei, che rappresentano la comunità nazionale più numerosa nell'ambito dell'asilo.

"Sono stati abbandonati da tutti", dice Almedom. "Questi giovani hanno una resilienza che io non avrò mai. Da quando sono nata ho avuto tutto. Non ho dovuto lottare per la mia libertà".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.