Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Giornata svizzera alla CEBIT di Hannover

Alla CEBIT di Hannover venerdì è intervenuto anche l'ambasciatore svizzero Thomas Borer

(Keystone)

Hannover ospita dal 13 al 20 marzo la CEBIT, la più importante fiera d'informatica e tecnologia del mondo.

L'edizione 2002 prevede una partecipazione di ben 8'152 espositori, provenienti da 60 Paesi, di cui 95 dalla Svizzera, quinta espositrice in ordine di grandezza. Si tratta di una percentuale nettamente inferiore rispetto agli anni precedenti. La crisi internazionale, provocata dagli attentati dell'undici settembre, oltre ad aver frenato la crescita economica, ha infatti ridimensionato anche l'entusiasmo dei potenziali acquirenti.

Anche se la CEBIT cerca di ridare ossigeno al mercato in crisi, analisti ed investitori sono critici per quanto riguarda il futuro di molte società del settore tecnologico e delle telecomunicazioni, sia in Europa che negli Stati Uniti.

Telefonini sempre in prima linea

A Hannover la parta da leone la fa, comunque, ancora una volta, il settore delle telecomunicazioni e della telefonia mobile. Fra gli espositori stranieri spiccano Nokia, Ericsson, Sony, IBM e Motorola. Quest'ultima espone il suo primo telefonino della quarta generazione.

La ditta svizzera Swissvoice propone invece un telefono che integra l'ISDN al Browser WAP; in pratica, un connubio fra telefono e PC.La Scape Vision di Berna presenta i suoi "unified messages": e-mails che possono essere ascoltati al telefono.La Confederazione gode di un'ottima reputazione anche nel campo della software destinata al settore della grafica.

La Svizzera fra i dieci espositori più importanti

"Vogliamo sfruttare la Cebit per farci conoscere come partner in affari", dice Stephan A. Meier, portavoce della OSEC, l'organizzazione che si occupa della promozione della Svizzera all'estero. Il nostro Paese figura fra i dieci più importanti espositori alla Fiera di Hannover.

Venerdì, in occasione della Giornata svizzera, alla presenza di 600 invitati, è intervenuto l'ambasciatore Thomas Borer. Il diplomatico ha lodato la proverbiale e secolare discrezione della Confederazione, anche nel campo degli affari, ma ha ribadito che oggi, per affrontare la concorrenza è necessario dar prova di maggior dinamismo.

"Altrimenti", ha precisato l'ambasciatore con un pizzico d'ironia, "rischiamo di ritrovarci nella stessa posizione del lavavetri al 40esimo piano dell'Empire State Bulding che fa un passo indietro per ammirare il lavoro fatto!"

swissinfo


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.