Navigation

Gli eventi di Expo.02

Le manifestazioni terranno alto l'interesse per Expo.02 Keystone

L'esposizione nazionale prende forma. Centrali per mantenere alta l'attenzione del pubblico sono le 10'000 manifestazioni d'accompagnamento.

Questo contenuto è stato pubblicato il 21 novembre 2001 - 18:19

Expo.02 proporrà fra quindici e venti animazioni artistiche al giorno in ciascuna delle cinque «Arteplages» della manifestazione. La direzione degli «Events» dell'Esposizione nazionale ha messo a punto complessivamente 10'000 spettacoli: 600-700 saranno a pagamento.

Il budget di 106 milioni di franchi destinato all'animazione ha consentito di finanziare esibizioni in quasi tutti i campi dell'arte, compreso lo sport. Daniel Rosselat, il direttore degli «Events», ha svelato oggi soltanto il contenuto della programmazione teatrale, musicale e della danza. La programmazione relativa alle tendenze musicali attuali sarà presentata a fine gennaio.

Il programma artistico dell'Expo.02 «sarà il più importante convegno di competenze artistiche mai allestito in Svizzera». Per Nelly Wenger, la direttrice generale della manifestazione, buona parte del successo dell'Expo dipenderà dagli Events, che formeranno «l'anima delle arteplages». Il loro obiettivo è di creare «un'atmosfera di festa».

Sui 22 palcoscenici dell'Expo sarà presentato «un immenso panorama artistico della Svizzera» - sottolinea Rosselat - «un incontro unico fra discipline artistiche, regioni linguistiche, generazioni, tradizione e avanguardia». Saranno presenti artisti noti e meno noti, sia svizzeri che stranieri.

Nel campo della musica classica, l'Expo accoglierà i direttori d'orchestra Zubin Mehta e James Levine, che dirigeranno giovani musicisti provenienti dal mondo intero, riuniti nell'ambito dell'UBS Verbier Festival Youth Orchestra.

Nei campi del teatro e della danza, «abbiamo voluto riservare una sorpresa al pubblico». le prestazioni «Danza!» della Compagnia Vitale (Ticino) e il progetto «Dintjan» delle compagnie Philippe Saire (Losanna) e Alias (Ginevra) «vanno in questo senso». I «Mummenschanz» saranno presenti durante tutta la durata della manifestazione: un teatro appositamente per loro sarà costruito a Bienne.

Il drammaturgo Denis Rabaglia firmerà la commedia «Artemisia» - sul tema dell'assenzio - mentre il teatro «Benno Besson» di Yverdon presenterà in prima svizzera «Il denaro... quello degli altri». Nell'ambito della musica popolare sarà proposta un'opera inedita intitolata «Signora Elvezia», mentre due formazioni giurassiane e il coro del conservatorio di San Pitroburgo interpreteranno i «Carmina Burana» di Carl Orff.

Creazioni nel registro degli spettacoli musicali: «Fantasma» e «Black Tell», ma il pubblico potrà anche scoprire le due commedie musicali francesi «Les dix commandements» e «Notre-Dame de Paris».

Le prenotazioni per questa parte degli «Events» saranno accettate da febbraio. I biglietti per gli spettacoli a pagamento permetteranno di accedere alle arteplages dalle 18:30 e dunque di visitare anche le esposizioni che chiudono alle 20.

swissinfo e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

In conformità con gli standard di JTI

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?